Doping: i maratoneti Korir, Saina squalificata per tre anni

L’Athletics Integrity Unit (AIU) ha condannato gli atleti kenioti Felix Kipchumba Korir ed Emmanuel Saina a una squalifica di tre anni ciascuno per violazioni antidoping.

L’AIU ha affermato che i campioni fuori competizione dei due maratoneti hanno dato risultati positivi ai test per il 19-Norandrosterone (19-NA), un metabolita contenuto nel nandrolone.

Il nandrolone è vietato sotto gli steroidi androgeni anabolizzanti ed è una sostanza sempre

vietata.

Secondo la dichiarazione dell’AIU, il campione di Korir – fornito a Kapsabet il 17 agosto – è stato prelevato per l’analisi presso il laboratorio accreditato WADA a Losanna, in Svizzera, dove è risultato positivo alla presenza di 19-Norandrosterone.

Il campione della maratona di Nanchino 2018 si è dichiarato colpevole del reato e la sua squalifica è stata ridotta di un anno.

“Il 22 settembre 2022, l’atleta ha restituito un’ammissione firmata del modulo di violazione delle regole antidoping e di accettazione delle conseguenze.

“L’Atleta riceverà quindi una riduzione di un (1) anno nel periodo di ineleggibilità dichiarato ai sensi della Regola 10.8.1 sulla base di un’ammissione anticipata e dell’accettazione della sanzione”, si legge nella dichiarazione.

Korir ha gareggiato anche in altre gare tra cui le maratone di Istanbul, Padova e Dakar.

D’altra parte, anche il campione di Saina, prelevato il 18 agosto a Eldoret, è risultato positivo alla sostanza vietata.

A seguito della sua ammissione anticipata, anche la sua pena è stata ridotta di un anno, determinando un periodo di ineleggibilità di tre anni a partire dal 9 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.