Van der Poel condannato per l’ aggressione in Australia

Mathieu Van der Poel è già a casa. Ma ha corso un serio rischio di essere trattenuto in Australia, per almeno tre settimane, perché la notte prima dei Mondiali, dove ha vinto Remco Evenepoel, ha avuto un incidente nel suo hotel con due adolescenti che non lo lasciavano dormire.

Van der Poel, due volte vincitore del Giro delle Fiandre, dell’Amstel e delle Strade Bianche tra gli altri successi, è stato coinvolto in una lite con due adolescenti, di 13 e 14 anni, che avevano bussato alla porta della sua camera d’albergo , che il ciclista avrebbe aggredito , cosa che gli è costata l’arresto da parte della polizia.

Secondo quanto riferito, Van der Poel ha spinto entrambe le ragazze, una di loro è caduta a terra e l’altra è stata spinta contro un muro provocandole un piccolo graffio al gomito. La direzione dell’hotel ha chiamato la polizia e gli agenti di St George sono andati ad arrestare il ciclista.

Van der Poel è stato rilasciato dalla polizia ed è tornato nella sua stanza d’albergo intorno alle 4 del mattino. Gli è stata concessa la libertà su cauzione a condizione che si presenti in tribunale. L’incidente ha impedito all’olandese di riposarsi e nel primo km della gara di Campionato del Mondo ha deciso di abbandonare la competizione. 

Alla fine è stato condannato per aver aggredito i 2 ragazze e il ciclista dovrà risarcire uno dei minorenni con 672 euro e l’altra giovane donna con 336 euro. Ma è riuscito a lasciare il Paese. Il suo avvocato farà ricorso contro le multe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.