“Colbrelli sarebbe morto se avesse avuto un arresto cardiaco in allenamento”, le parole del dottor Alex Costa

Non è certo un momento facile per il ciclista azzurro Sonny Colbrelli. Dopo essere stato trasportato all’ospedale Josep Trueta, a causa di un arresto cardiaco all’arrivo della prima tappa della Volta a Catalunya, Colbrelli parla di quello che gli è accaduto alla Gazzetta dello Sport.

“Sono un po’ frastornato e non ricordo niente. Dopo aver superato l’arrivo, sono andato dal dottore, sono andato a prendere dell’acqua e… Questo conclude la discussione. Tutto è svanito dalla mia memoria. Mi sono svegliato attaccato a tutti i sensori dell’ospedale. Cosa sia successo, non ne sono sicuro. Hanno esaminato tutti i miei file degli ultimi anni e non hanno trovato prove di un battito cardiaco. La famiglia era estremamente preoccupata, ma una volta che hanno sentito la mia voce, sono diventati un po’ più rilassati. Anche se la mia mente è già accesa su quando posso tornare a pedalare, la preoccupazione c’è. Mi rendo conto che sono fortunato ad essere vivo per raccontare questa storia, ma non voglio che finisca in questo modo”.

“Se avesse subito un arresto cardiaco in allenamento, senza medico e soprattutto senza defibrillatore nelle vicinanze, Colbrelli sarebbe morto”, secondo Alex Flora Costa, medico a La Volta da 27 anni.

“Ho trovato Colbrelli per terra, in preda alle convulsioni”, spiega Costa. “In primo luogo, gli ho dato alcuni schiaffi, come è consuetudine in questa situazione, per cercare di farlo reagire”. Gli abbiamo fatto un primo shock defibrillatore perché non potevo sentire il suo battito e il massaggio cardiaco non è stato sufficiente per rianimarlo. Non respirava e il suo cuore aveva smesso di battere completamente. Dopo il normale periodo di attesa, eravamo pronti a dargli la seconda scossa, ma grazie a Dio non è stato necessario perché il suo battito cardiaco è ripreso. “Il suo corpo aveva reagito”, ha detto il dottore.

Tutto ora sembra andare bene per Colbrelli, che ieri ha parlato con i suoi compagni e ha parlato con la sua famiglia e i suoi cari al telefono e in video. I test iniziali hanno escluso danni permanenti e il nostro Sonny dovrebbe tornare presto in sella.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.