Tim Merlier vince la seconda tappa della Tirreno-Adriatico, Ganna resta leader

Tim Merlier (Alpecin-Fenix) ha vinto la sua prima gara della stagione 2022 con la vittoria sulla seconda tappa della Tirreno-Adriatico. 

Il belga è uscito alle spalle di Peter Sagan (TotalEnergies) nella fase conclusiva, approfittando del fatto che lo slovacco si era lanciato in anticipo nel tentativo di tagliare per primo il traguardo.

Olav Kooij (Jumbo-Visma) e Kaden Groves (BikeExchange-Jayco) sono riusciti a superare anche Sagan sul traguardo, con il tre volte iridato al quarto posto. 

Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) rimane ancora in testa alla classifica generale dopo la seconda tappa, con 11 secondi di vantaggio su Remco Evenepoel (Quick-Step Alpha Vinyl). 

LA CRONACA

Giornata collinare con 2.150 m di dislivello su 219 km, la seconda tappa è la più lunga della Tirreno-Adriatico di quest’anno. Tuttavia, con un finale relativamente piatto, la tappa ha offerto molte opportunità agli uomini veloci del gruppo di attaccare e ottenere un vantaggio sui loro rivali.

Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) è entrato nella seconda tappa da leader della classifica generale, dopo aver vinto superbamente l’ITT nella prima giornata con il tempo di 15-17. Remco Evenepoel (Quick-Step Alpha Vinyl) è arrivato a dieci secondi da Ganna al secondo posto, mentre Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) ha perso solo sette secondi da Evenepoel quando ha tagliato il traguardo. 

A soli 5 km dall’inizio della gara, Johnatan Cañaveral e Davide Gabburo (entrambi Bardiani-CSF-Faizanè), Davide Bais e Francesco Gavazzi (entrambi Eolo-Kometa) e Umberto Marengo (Drone Hopper-Androni Giocattoli) hanno formato la fuga della giornata, creando un divario tra loro e il resto del gruppo. 

I cinque corridori hanno mantenuto un distacco regolare di cinque minuti fino agli ultimi 50 km – che in una fase sono saliti a otto minuti – quando i due corridori Eolo-Kometa hanno lasciato cadere gli altri tre corridori sulla salita verso La Pineta e la successiva discesa. 

A 20 km dalla fine, Marc Soler (UAE Team Emirates) e Anthony Perez (Cofidis) hanno entrambi attaccato, colmando con successo il divario tra il gruppo e i corridori in fuga. In effetti, Soler ha spinto il ritmo in solitaria sulla salita finale della gara, cercando di creare un divario tra se stesso e il gruppo in fuga iniziale e il gruppo.

Lo spagnolo ha costruito 30 secondi tra sé e il gruppo a 13 km dalla fine della gara, ma con il gruppo principale che lavorava tutti insieme – in particolare Groupama-FDJ – con il vento prevalente, il suo attacco non è riuscito a restare, i secondi sono scesi gradualmente in piano strada. 

Con Soler colto alla cruciale svolta a sinistra a 2,8 km dalla fine, i corridori in testa di ciascuna squadra hanno iniziato a spingersi per la posizione. Sia Ganna che Daryl Impey (Israel-Premier Tech) hanno fatto i loro tentativi per trascinare i loro uomini veloci, ma è stato Quick-Step Alpha Vinyl a fare l’impennata più concertata con Davide Ballerini che aspettava dietro le quinte per balzare.

Tuttavia, Peter Sagan ha lanciato un suo attacco in anticipo mentre il percorso si è spostato a destra, solo per Tim Merlier che è uscito dalla sua coda. In uscita dalla curva, il belga ha raccolto il maggior slancio ed è riuscito a lanciarsi dalla parte posteriore della ruota di Sagan, cogliendo la vittoria negli ultimi 50 metri della giornata.

Sia Olav Kooij (Jumbo-Visma) che Kayden Groves (BikeExchange-Jayco) sono riusciti a rubare un naso anche allo slovacco, tagliando il traguardo appena davanti a Sagan che ha cercato di mantenere il podio nel miglior modo possibile.

Il risultato rappresenta la prima vittoria della stagione di Merlier, sei mesi dopo l’ultima vittoria nel Benelux Tour all’inizio di settembre. Ganna mantiene la sua prima posizione nella classifica generale dopo la seconda tappa, ma con percorsi di arrampicata molto più difficili in arrivo, aspettati che tutti cambino.

RISULTATI:

TIRRENO-ADRIATICO 2022, SECONDA TAPPA: DA CAMAIORE A SOVICILLE (219KM)

1. Tim Merlier (Bel) Alpecin-Fenix, in 5-25-23
2. Olav Kooij (Ned) Jumbo-Visma
3. Kaden Groves (Aus) BikeExchange-Jayco
4. Peter Sagan (Svk) TotalEnergies
5. Simone Consonni ( Ita) Cofidis
6. Phil Bauhaus (Ger) Bahrain-Victorious
7. Davide Ballerini (Ita) Quick-Step Alpha Vinyl
8. Giacomo Nizzolo (Ita) Israel-Premier Tech
9. Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama-FDJ
10. Andrea Vendrame (Ita) AG2R Citroën Team, tutti insieme

CLASSIFICA GENERALE

1. Filippo Ganna (Ita) Ineos Grenadiers, in 5-40-40
2. Remco Evenepoel (Bel) Quick-Step AlphaVinyl, a 11 secondi
3. Tadej Pogačar (Slo) UAE Team Emirates, a 17
secondi 4. Kasper Asgreen (Den ) Quick-Step AlphaVinyl, a 24s
5. Alex Dowsett (GBr) Israel – Premier Tech, a 25s
6. Thymen Arensman (Ned) Team DSM, a 28s
7. Tobias Ludviggson (Swe) Groupama-FDJ, a 32s
8. Jos Van Emden (Ned) Jumbo-Visma, a 33s
9. Matteo Sobrero (Ita) BikeExchange-Jayco, a 39s
10. Lawson Craddock (USA) BikeExchange-Jayco, contemporaneament

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.