Nico Rosberg: “Cosa stava succedendo sul muretto della Ferrari? Sono diventati matti?”

Su marca.com troviamo un interessante articolo che riguarda le perplessità di alcuni addetti ai lavori, nella circostanza di Nico Rosberg, rispetto alla gara di domenica scorsa della Ferrari in Francia.

In Ferrari difendono la strategia scelta con Carlos Sainz al Gran Premio di Francia. Lo stesso pilota ha difesa la sua squadra, assicurando loro che probabilmente avevano molte più informazioni di lui, che era all’interno della vettura, e non sembrava essere completamente d’accordo quando gli hanno chiesto, dopo il sorpasso di Checo Pérez , di rientrare ai box perché le sue gomme non avrebbero durato ancora a lungo.

Nonostante all’interno della squadra sembrino sostenersi a vicenda, ci sono molte voci che rifiutano e criticano quanto accaduto. L’ultimo ad unirsi è stato Nico Rosberg, che ha elogiato i piloti… ma non tanto la squadra.

L’incidente di Charles Leclerc , che lo ha messo fuori gara al 18° giro, ha aperto la strada al Campionato del Mondo di Max Verstappen. Il pilota stesso ha riconosciuto che era stato un suo errore di guida.

“Penso che Leclerc si sia preso la colpa per l’incidente”, ha detto Rosberg. “Semplicemente non penso che sia stata colpa sua , non stava nemmeno guidando al limite, stava risparmiando gomma a quel punto della gara”, riporta ‘Motorsport.es’.

Posso solo pensare che potrebbero essere coincise due diverse circostanze. Innanzitutto una raffica di vento in coda che avrebbe potuto destabilizzare il carico aerodinamico dell’alettone posteriore della vettura. E, nello stesso istante, applicare una potenza eccessiva alle ruote posteriori, che è ciò che rende inevitabile lo slittamento ” , spiega in base alla sua esperienza.

“Ma da dove viene quella potenza extra? Cosa ha fatto il motore in quel momento? Penso davvero che la Ferrari debba studiare cosa è successo lì, perché i piloti non commettono quegli errori”, aggiunge.

A proposito di Carlos Sainz

L’altra polemica con la Ferrari è arrivata sul muro di Carlos Sainz. Il pilota spagnolo è partito in fondo alla griglia e proprio mentre superava Checo Pérez , all’epoca terzo, gli è stato chiesto di rientrare ai box. Mancavano solo pochi giri e lui si era piazzato sul podio, certificando una grande rimonta.

Rosberg critica aspramente la scelta di Maranello . Mostra anche un po’ di incredulità per ciò che ha visto domenica scorsa durante la gara al Paul Ricard.

Non potevo credere ai miei occhi. Cosa stava succedendo al muro della Ferrari? Hanno un pilota che sta lottando per il podio e tutta la squadra cosa sta facendo. E proprio mentre supera Russell e può inseguire Perez, il suo ingegnere gli parla alla radio mandandolo ai box Sono matti? 

“Le gomme non erano del tutto consumate, infatti lo spagnolo della Ferrari ha avuto modo di cercare di recuperare su Lewis Hamilton e di piazzarmi secondo . Ma lo hanno costretto ai box e alla fine non è riuscito a superare la quinta posizione”, ha criticato l’ex pilota tedesco, che ultimamente ha fatto molte valutazioni su quello che sta succedendo sulle piste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.