Matteo Berrettini batte Fokina agli Us Open dopo una partita tipo “Maratona di New York”

Matteo Berrettini ha raggiunto il suo secondo quarto di finale consecutivo agli US Open vincendo una maratona contro Alejandro Davidovich Fokina 3-6 7-6(2) 6-3 4-6 6-2.

La tredicesima testa di serie aveva perso contro Davidovich Fokina sulla terra battuta a Monte Carlo l’anno scorso, ma ha trovato la formula giusta sul cemento di New York, mandando giù 17 ace, sparando 48 vincenti a 27 rispetto al suo avversario e salvando nove dei 13 break point.

Dopo un primo set poco brillante in cui Berrettini ha prodotto solo sei vincenti e non è riuscito a guadagnare un break point, il semifinalista degli Australian Open ha preso vita nel tiebreak del secondo set e ha immediatamente battuto il suo avversario nel terzo set.

In un break nel set finale, Davidovich Fokina si è infortunato nel sesto gioco quando la sua gamba gli è scivolata da sotto e ha sbattuto i pugni in campo per il dolore.

Ha visto un fisio e per un momento sembrava che per la giornata fosse finita, ma lo spagnolo è tornato coraggiosamente in campo per finire la partita tra le urla di incoraggiamento della folla.

“Sono davvero orgoglioso perché non ho iniziato la partita come avrei voluto”, ha detto Berrettini, più volte fermo in questa stagione per infortuni o malattie.

“Ovviamente questo non è il modo in cui volevo finire la partita”.

Ora l’azzurro affronterà Casper Ruud, quinta testa di serie che ha concluso la corsa da favola di Corentin Moutet, fortunato perdente, 6-1 6-2 6-7(4) 6-2 per dare il via all’azione all’Arthur Ashe Stadium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.