F1: Toto Wolff mette in dubbio (abbastanza legittimamente) il ritiro di Yuki Tsunoda nel Gran Premio d’Olanda

Il team principal Mercedes Toto Wolff ha sollevato dubbi sul ritiro di Yuki Tsunoda dal Gran Premio d’Olanda, che ha aiutato la vittoria di Max Verstappen, non nuovo a certi tipi di “aiutini” a dir la verità.

Tsunoda, che guida per il team junior della Red Bull AlphaTauri, ha avuto un guasto al giro 48 dei 72 totali e il successivo periodo di Virtual Safety Car ha consegnato a Verstappen un efficace pit stop gratuito con Lewis Hamilton che gli stava con il fiato sul collo.

Tuttavia, le circostanze che circondano l’incapacità di Tsunoda di finire hanno sollevato le sopracciglia dopo che si è preparato a ritirarsi dalla gara togliendosi le cinture di sicurezza solo per sentirsi dire di tornare ai box.

Dopo una serie di controlli – compreso il riallacciamento delle cinghie – Tsunoda è stato nuovamente mandato in pista solo per AlphaTauri per dirgli di ritirare la vettura dopo appena quattro curve.

Alla domanda se la FIA al governo della Formula 1 dovesse indagare sull’incidente, Wolff ha risposto: “Se stessimo combattendo per un campionato, sarebbe qualcosa che guarderei da vicino.

“Quello che deve essere indagato per la sicurezza dei conducenti, e tutti là fuori è che il pilota si è fermato, slacciato, ha fatto un giro completo, è entrato, il problema non è stato risolto, hanno rimesso le cinture di sicurezza ed è uscito e fermato di nuovo.

“Questo probabilmente ha cambiato l’esito della gara che forse avremmo potuto vincere”.

Wolff ha inoltre dichiarato che senza il VSC, Verstappen avrebbe lasciato i box dietro Hamilton di ben otto secondi aggiungendo: “Avremmo avuto una buona possibilità e il pianificatore della gara ha detto che la vittoria era sicura. Sarebbe stato molto vicino”.

Fornendo la sua versione dei fatti, il pilota giapponese Tsunoda, 22 anni, ha dichiarato: “Pensavo ci fosse un problema con la gomma posteriore sinistra, quindi il mio ingegnere mi ha detto di fermarmi.

“Ma non abbiamo riscontrato alcun problema chiaro nei dati. Ecco perché ci siamo riuniti per tornare ai box per montare una nuova gomma. Ma dopo, abbiamo visto un problema chiaro nei dati, ecco perché ci siamo fermati (per la seconda volta).”

Alla domanda su quale fosse il fallimento, Tsunoda ha risposto: “Non lo so”.

Tsunoda è stato rimproverato dalla FIA per aver guidato con le cinture di sicurezza allentate. Gli steward alla fine hanno stabilito che il suo ritiro era dovuto a un problema con il differenziale.

Altre storie su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.