ATLETICA: la carica dei 200 pacer della 36^ UYN Venicemarathon 42K-21K10K

Venezia, 7 settembre 2022 – Nel percorso di avvicinamento alla 36^ Venicemarathon 42k-21K-10K del prossimo 23 ottobre, un ruolo importante è come sempre rivestito dai pacer, il cui compito non si esplica solo nel giorno della gara, ma anche nei mesi precedenti, attraverso l’interazione con gli iscritti e la condivisione di consigli e suggerimenti sui canali social della Maratona di Venezia.

Quest’anno ‘UYN Pacing Team’ è cresciuto notevolmente nei numeri e a livello internazionale, grazie ad un accurato processo di selezione in Italia e all’estero che ha portato gli organizzatori, col supporto anche di UYN e HOKA, ad allestire un team di oltre 200 atleti, suddivisi nelle tre gare.

Gli ‘angeli del cronometro’ solo nella maratona saranno 144, di cui 44 gli stranieri provenienti persino dal Sud Africa e da Hong Kong, oltre che da tutta Europa. Persone che hanno accolto con entusiasmo l’invito a diventare ‘ambassador’ di Venicemarathon nel mondo e mettersi al servizio di una delle maratone internazionali più affascinanti.

Parecchi di loro sono molto conosciuti nell’ambiente perché autori di grandi imprese come Angela Gargano, l’ultramaratoneta pugliese che nel 2002 riuscì a portare a termine 100 maratone in un solo anno, impresa da Guinness World Records, e che nel 2010 stabilì il record italiano della 6 giorni di corsa (562,330 km), mentre nel 2020 fu la prima italiana a raggiungere il traguardo delle 1.000 gare (696 maratone e 304 ultramaratone). Oppure come il campione britannico di endurance Adam Holland, detto ‘Tango’, interprete di diverse imprese soprattutto nelle gare di endurance e che vanta ben 445 gare concluse tra maratone e ultramaratone. E poi volti noti come Marco Mannucci, Domenico Masiero e Alessandra Derme, che oltre ad essere un’ottima pacer è anche una forte ultratriathleta.

Per la prima volta, quest’anno è stata inserita nella maratona anche la fascia delle 2h50’ e i quattro pacer selezionati per arrivare al traguardo sotto il muro delle 3 ore sono Leonardo De Toni, Giuseppe Minici e gli spagnoli, Jame Gutierrez e Marc Giron.

Ma i componenti di ‘UYN Pacing Team’ sono stati selezionati non solo sotto il profilo tecnico, ma anche umano. Emergono infatti belle storie, come quella della pacer ipovedente Chiara Pandolfi, maratoneta bergamasca di 42 anni che grazie alla guida e amica Ilaria Razzolini, pacemaker fiorentina di lunga esperienza, da oltre 10 anni partecipa a moltissime maratone proprio nel ruolo di pacer. A Venezia Chiara e Ilaria saranno nel gruppo delle 5 ore e la loro presenza rappresenterà un bel messaggio per tutti.

E poi ci sono gli ‘storici’ della Maratona di Venezia come i gemelli Valerio e Cristiano Girotto, Manuel Perin, la coppia Silvio Dus e Astrid Gagliardi conosciuti e innamorati proprio durante un’edizione della Venicemarathon, le inossidabili Francesca Spinsanti, Francesca Sanna, Daniela Schiavon e l’ultramaratoneta barlettana Mariella di Leo, pacer di grade esperienza e storica presenza alla Venicemarathon, che con il suo carisma quest’anno è riuscita a portare ben 100 donne da tutta Italia a correre la ‘100km del Passatore’, sventolando la bandiera dell’Ucraina.

Il servizio pacer sarà garantito anche nelle gare di 21K e 10K grazie alla collaborazione con il Venicemarathon Running Team e l’intero team sarà vestito dai marchi UYN e HOKA.

Compito dei pacer sarà quello di aiutare i concorrenti a vivere al meglio l’esperienza della gara, cadenzando il passo, motivandoli nei momenti di difficoltà, ma anche incentivando i concorrenti a rispettare le regole e il contesto ambientale in cui la manifestazione si svolge.

L’elenco completo dei pacer, i loro volti e la suddivisione nelle diverse fasce orarie sono presenti sulla pagina Facebook di Venicemarathon, mentre i video con i loro consigli su come affrontare la gara sono presenti anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.