Solo 1500 sterline all’anno, ecco come deve preparare le olimpiadi ex campione del mondo

A un certo punto David “Dai” Greene è stato  campione in carica del mondo, europeo e del Commonwealth nei 400 m ostacoli. Ora, mentre cerca di qualificarsi  per le Olimpiadi di Tokyo, fa i turni in una pizzeria da asporto per sbarcare il lunario.

Per un ex atleta campione del mondo e possibile olimpico, penseresti che possa essere pagato abbastanza per vivere e avere accesso ad alcuni dei migliori fisioterapisti e strutture che il denaro potrebbe comprare.

Ma non è così. La realtà nuda cruda è poco affascinante e fa riflettere. Dai,  gallese, deve in qualche modo vivere con un finanziamento annuale di sole 1.500 sterline e allenarsi usando una palestra fatta in casa che ha allestito nella sua fattoria.

Una combinazione di età, strutture di finanziamento e la pandemia di Covid hanno significato che Dai, che si sta preparando per la selezione per la squadra di atletica britannica per le Olimpiadi di Tokyo in luglio e agosto, ha dovuto scavare in profondità nella sua capacità di recupero mentale, fisica e finanziaria. E ha dovuto anche essere inventivo per raggiungere il massimo della forma fisica durante un anno di preparazione cruciale che ha visto le palestre chiuse blocco dopo blocco.

Eppure il 35enne è tutt’altro che turbato. Dai è abituato agli alti e bassi che sono parte integrante della vita di un atleta d’élite e ha un enorme serbatoio di esperienza a cui attingere.


Il suo declino è iniziato quando a Londra Dai, una delle migliori speranze della Gran Bretagna per una medaglia d’oro allo Stadio Olimpico, ha corso un’orribile finale per finire quarto. Dopo probabilmente i migliori 18 mesi della sua carriera sportiva, i mesi e gli anni successivi sono stati afflitti da infortuni e delusioni.

“Avere successo all’inizio della mia carriera mi ha aiutato”, ha detto Dai dalla sua casa in una fattoria nelle Midlands. “Anche se negli ultimi anni ho avuto dei brutti momenti in termini di infortuni e cose del genere, credo di poter tornare da qualche parte vicino a quello standard. E ho visto lampi di questo in allenamento – ci provo, l’esperienza c’è, vediamo “.


“Non mi sento vecchio come dice il numero degli anni. Ho fatto alcuni dei migliori allenamenti negli ultimi 12 mesi come ho fatto negli ultimi sette-otto anni”, ha continuato.

“Anche se l’allenamento è buono e mi diverto di più, è gareggiare dove provo più gioia. Quindi cerco di sfruttare al massimo questo finché posso. Se non mi divertissi, non lo farei e non mi impegnerei ogni giorno.

Dai nNon è stato finanziato dalla British Athletics dal 2016 – è stato ritirato dai finanziamenti dopo una serie di operazioni tra il 2013 e il 2015. L’attuale supporto per l’atletica gallese ammonta a £ 1.500 all’anno e i fisioterapisti sono tutti a Cardiff. La mancanza di fondi è chiaramente irritante e lui crede che con più sostegno andrebbe “incredibilmente meglio”.

“Non sarebbe difficile arrivare a quel punto perché avrei qualcuno che mi controlla ogni giorno, ma quando non ce l’hai è dura”, ha detto con più di un accenno di frustrazione.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.