Opelka: “L’ATP è un circo da molto tempo”, Gaudenzi dovrebbe dimettersi

È risaputo che Reilly Opelka non è un ragazzo che si morde la lingua. Il colosso americano, sedicente a più riprese servebot , è stato uno degli attori più critici della dirigenza dell’ATP , chiedendo addirittura le dimissioni di Andrea Gaudenzi e lasciando dure dichiarazioni su Twitter sulle azioni del dirigente italiano. Non fa mai male vedere un ragazzo totalmente sincero e trasparente, e quello del Michigan ha colpito ancora una volta l’ATP con tutto in un’intervista approfondita sul TENNIS. Non è stato solo critico nei confronti di Gaudenzi; Ha anche dato un messaggio all’ex presidenza (guidata da Chris Kermode) spiegando cosa, secondo lui, ha bisogno il circuito maschile: una vera rivoluzione in cui i leader sono persone un po’ più lontane dallo sport della racchetta. Inoltre, ha spiegato chiaramente i diversi conflitti di interesse che possono esistere all’interno dell’associazione. 

“Non puoi monetizzare il talento e il tempo è limitato. Prendi Andrey Rublev , per esempio. Rublev avrà 24, 25 o 26 anni solo una volta nella sua vita, e mi dispiace per lui. Quello che ha fatto l’anno passato è stato impressionante, ma è facile per le persone dire che è un ragazzo fortunato e sta facendo un sacco di soldi. Quello che fa Rublev è tutt’altro che normale. Lavora in una misura che non ho mai visto fare a nessuno, e lo rispetto. So che ha avuto difficoltà in alcuni allenamenti. Vedo cosa fa: sei, sette ore di allenamento. È in palestra, colpisce la palla tutto il giorno.  Dovrebbe guadagnare molto di più di quello che ha, perché si sta spaccando il culo per questo. È un peccato. Ad esempio, la MLB (Major League Baseball) è stata disoccupata per percentuali molto più basse rispetto a noi. Ma non mi piace la politica, mi piace giocare a tennis. Non mi piace dovermi lamentare”.

Qual è il cambiamento più grande che il tennis deve subire, secondo lui

“Penso che Andrea Gaudenzi dovrebbe dimettersi . Serve una nuova leadership. E non lo dico in senso negativo, non è niente di personale contro di loro. Sono bravi ragazzi. Massimo Calvelli, (amministratore delegato ATP) è un bravo ragazzo. Ma non ho capito, perché inseguiamo persone che sono già state nel tennis? Senza offesa per Massimo, non puoi andare oltre l’essere un rappresentante della Nike , che ti occupi di spedire pacchi o di prendere la giuste scarpe per Rublev, per diventare l’amministratore delegato di uno dei più grandi sport mondiali. Non succede in nessun altro sport. E non sto solo criticando Massimo, ho detto la stessa cosa di Chris Kermode: Lo zio era un allenatore al Queen’s. Come puoi passare dall’essere un manager al CEO di uno dei più grandi sport del mondo, in un momento in cui hai i tre migliori giocatori nella storia attiva?

Chi collochereste come leader dell’ATP, allora?

“Penso che dovremmo rompere gli schemi e scegliere un visionario . Scegli il braccio destro di Adam Silver (Commissario NBA) o scegli un ragazzo che ha lavorato al fianco di un Adam Silver o un altro CEO che ha avuto molto successo, e poi scommettici. Se c’è tanta trasparenza e tutto va bene, come è possibile che il montepremi ad Acapulco quest’anno sia stato inferiore a quello del 2019? Hai avuto cinque dei sei migliori giocatori in il mondo: Nadal, il migliore di tutta la storia, Zverev, Tsitsipas…, non ci sono limiti di capienza e per di più in un nuovo stadio ancora più grande che si riempie ogni notte. Non ha senso. Perché allora stiamo andando indietro?

E perché dovrebbe scegliere qualcuno al di fuori del regno dell’ATP? Perché l’ATP si comporta come un club maschile . Dai un’occhiata ai membri del Consiglio: è un club. Qual è l’esperienza di Dani Vallverdú quando si tratta di essere un direttore di torneo? Nessuno, zero. Ma quando un nuovo torneo appare nel calendario ATP una settimana, un membro del Players Council, Dani Vallverdú, riesce a essere il direttore di quel torneo ( ATP San Diego ). Perché lo scelgono? E questo deve cambiare, quella cultura deve essere cambiata. Sceglierei qualcuno meno coinvolto nel tennis, perché quando hai qualcuno così vicino a questo mondo, qualcuno abituato al vero pasticcio che è l’ATP, questo è quello che succede. L’ATP è un circo da molto tempo. Tutti gli altri sport mondiali stanno andando alla grande, ma l’unico che non lo è è il tennis, e penso che sia per via della sua leadership”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.