Mondiali di ciclismo, l’Italia è campione del mondo nell’inseguimento su pista con Ganna-Milan-Consonni- Bertazzo

L’Italia dopo 24 anni torna a vincere la medaglia d’oro nell’inseguimento a squadre ai mondiali di ciclismo su pista di Roubaix in Francia. In questo anno irripetibile per lo sport azzurro, il quartetto composto da Filippo Ganna, Jonathan Milan, Filippo Consonni e Liam Bertazzo supera in finale la Francia di oltre 2 secondi. Medaglia di bronzo alla Gran Bretagna che sconfigge la Danimarca nella finalina .

Il quartetto azzurro campione olimpico a Tokyo – formato da Filippo Ganna, Jonathan Milan, Simone Consonni e Liam Bertazzo (che sostituisce anche nella finalissima Francesco Lamon) – ha completato i 4 chilometri in 3’47”192 sconfiggendo la Francia (3’49″168) sulla pista del velodromo Jean Stablinski di Roubaix.

Per trovare l’ultimo oro mondiale italiano, dobbiamo tornare a Perth 1997, in Australia quando i ragazzi allenati dal commissario tecnico Callari (Capelli, Citton, Collinelli e Benetton) agguantarono il secondo titolo consecutivo per gli Azzurri dopo Manchester 1996. Il titolo è poi stato seguito da 20 anni di vuoto, finito al bronzo del 2017 conquistato da Ganna, Bertazzo, Consonni e Lamon contro la Gran Bretagna, seguito ancora da un bronzo ripetuto nel 2018 e dal nuovo terzo posto nel 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.