F1: la prima polemica della stagione!

In privato, intorno al paddock, è una delle conversazioni ricorrenti: la resurrezione di Haas. Sono stati gli ultimi nel 2021, sempre in fondo alla griglia e senza punti, e ne hanno già 15 nei primi quattro Gran Premi del 2022, tutti da Magnussen. Sono in grado di combattere un giro e in gara contro Alpine, Alpha Tauri o Alfa Romeo. In Formula 1 pochi team accettano volentieri che altri abbiano fatto un lavoro migliore e dall’inizio della stagione alcuni guardano con sospetto all’azienda nordamericana per i suoi noti legami con la Ferrari: hanno motore e cambio italiani, hanno strutture di Maranello, hanno accolto il personale che non aveva posto in Ferrari per tetto di spesa e utilizzano la galleria del vento della Scuderia.

In pubblico, la McLaren è stata, attraverso Andreas Seidl, uno dei team più critici con questo tipo di partnership. Non ora, viene dal passato, perché a Woking operano come costruttore indipendente (anche se i motori sono forniti da Mercedes) proprio come Alpine, senza rapporti con altri costruttori in griglia. Non è un segreto che Mercedes e Aston Martin, ex Racing Point, abbiano condiviso informazioni privilegiate in passato. Né l’Alpha Tauri eredita molte delle tecnologie implementate nella Red Bull, come la sospensione posteriore o il cambio, cosa perfettamente legale secondo le attuali normative F1.

“Haas merita i suoi risultati, perché ci sono delle regole e loro le rispettano, non ce ne lamentiamo. Ma è una questione di principi e di come dovrebbe essere la F1 in futuro, tutto ciò che riguarda le prestazioni di un’auto dovrebbe essere fatto da ogni squadra”, dice Seidl, preoccupato che in campionato, “per essere in vantaggio, a un certo punto potrebbe essere necessaria una seconda squadra. “Consente al ‘team B’ di ottenere prestazioni superiori con meno sforzo, ed è ancora più preoccupante che il ‘team A’ ne tragga vantaggio”, sostiene il team principale della McLaren, che sostiene il “proibire l’uso congiunto di infrastrutture” come il galleria del vento e propone di condividere solo “il cambio e la centralina”. “Tutto ciò che non può essere adeguatamente monitorato deve essere proibito”, ha commentato l’ingegnere tedesco a Ímola.

La realtà è che finora non ci sono illegalità note in questo processo e non ci sono state proteste formali alla FIA. Guenther Steiner, boss di Haas, invita i commissari a visitare la sua fabbrica “ogni settimana”, come già fanno regolarmente. Sebbene le situazioni possano essere più sottili e liquide, i rivali sospettano, e il capo delle Alpi Otmar Szafnauer lo ha spiegato graficamente qualche settimana fa: “Potete andare a prendere un caffè insieme e condividere idee. ‘Come va l’ultimo fondo piatto?’.E un ‘non andare così, non funziona…’ Con l’americano davanti, la Racing Point è stata sanzionata per aver montato le stesse linee dei freni Mercedes nel 2020 dopo essersi presentata agli allenamenti pre-stagionali con un’auto identica alla Mercedes del 2019. Nonostante tra i repentini miglioramenti della VF-22 rispetto al predecessore, non va trascurato un dettaglio: Haas, e Alfa Romeo, avevano il peggior motore in griglia nel 2020 e 2021, e ora hanno , forse, con i migliori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.