Boxe: revocato il divieto a Russia e Bielorussia ai pugili dilettanti

L’International Boxing Association (IBA) ha revocato il divieto ai pugili dilettanti di Russia e Bielorussia a causa della guerra in Ucraina che è in vigore dall’inizio di marzo.

“L’IBA crede fermamente che la politica non dovrebbe avere alcuna influenza sullo sport”, ha affermato la federazione in un comunicato stampa . “Quindi, a tutti gli atleti dovrebbero essere date condizioni uguali”.

La maggior parte delle federazioni sportive internazionali ha bandito gli atleti dalla Russia e dalla Bielorussia a tempo indeterminato sette mesi fa, agendo su raccomandazione del CIO. Si ritiene che l’IBA sia la prima federazione internazionale in uno sport olimpico a revocare il divieto.

Il CIO non ha ufficialmente modificato la sua raccomandazione dello scorso inverno di escludere gli atleti di Russia e Bielorussia “per proteggere l’integrità degli eventi e la sicurezza degli altri partecipanti”.

La scorsa settimana, il presidente del CIO Thomas Bach ha dichiarato in un’intervista a un quotidiano italiano che gli atleti russi che non appoggiano la guerra del loro paese in Ucraina potrebbero a un certo punto essere riaccettati negli sport internazionali, gareggiando sotto una bandiera neutrale.

L’IBA, revocando il divieto, consentirà anche le bandiere e gli inni nazionali di Russia e Bielorussia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.