MIKE TYSON: L’ALLENATORE CHE HA AVUTO UN IMPATTO INASPETTATO SULLA SUA VITA

È un cliché dire che il leggendario campione dei pesi massimi Mike Tyson ha avuto una vita dura, ma molte persone non riescono a capire quanto sia stata dura. Ha affermato di essere stato arrestato più di 30 volte, forse 40 volte all’età di 12 anni. Come riporta Heavy , ha trascorso la sua infanzia in un riformatorio per i suoi ripetuti crimini violenti (come mettere fuori combattimento estranei ignari per strada e derubarli). Sua madre, morta quando Tyson aveva 16 anni, “lo avrebbe picchiato tanto anche davanti alla polizia”.

Da adulto, Tyson sarebbe andato in prigione per stupro e notoriamente ha morso un pezzo dell’orecchio di Evander Holyfield in un momento di frustrazione durante il loro incontro. Le persone sane e ben adattate semplicemente non vivono così.

Ma la miserabile giovinezza di Tyson ha avuto un modello positivo, una figura paterna che Tyson avrebbe ringraziato per aver reso possibile la sua straordinaria carriera. Quell’uomo era Costantino “Cus” D’Amato, allenatore dei campioni.

Basso, calvo, con un occhio solo, 58 anni più di Iron Mike, Cus D’Amato è cresciuto in un ghetto italo-americano nel Bronx, secondo l’ International Boxing Hall of Fame  e il Boxing Daily . Combattente promettente nelle classi dei pesi piuma e dei pesi leggeri, D’Amato ha perso un occhio in una rissa (o per un pestaggio di suo padre, a seconda della storia in cui credi), privandolo della possibilità di diventare professionista. A 22 anni ha rivolto il suo talento diventando.

Boxing Daily riporta che D’Amato aveva considerato il sacerdozio cattolico prima di dedicarsi al suo sport, e c’era qualcosa del confessore nel suo mentore di giovani combattenti. Il potente peso medio Rocky Graziano è stato uno degli allievi di D’Amato e D’Amato ha accompagnato José Torres e Floyd Patterson a separare i Giochi Olimpici prima di salutarli con la carriera professionistica. 

D’Amato ha insegnato uno stile di boxe distintivo e difensivo che è diventato noto come “peekaboo”. I suoi combattenti hanno imparato a insinuarsi sul loro avversario con entrambe le mani a proteggersi il viso, colmando il divario e aspettando la possibilità di sferrare un pugno potente. Il praticante più famoso di questo stile, ovviamente, è stato Tyson.

Nel 1980, il quattordicenne Tyson era in un riformatorio non lontano dalla palestra di D’Amato a New York. Secondo Sportscasting , un insegnante della scuola ha preso atto di quanto bene il potente adolescente abbia affrontato gli esercizi di boxe. Questo insegnante chiamò D’Amato e presto Tyson prese lezioni per strada. Lo stile peekaboo si adattava perfettamente alla corporatura relativamente corta di Tyson.

D’Amato potrebbe essere stata la prima figura paterna seria che Tyson abbia mai avuto. “Potevo vedere che aveva il controllo totale di tutto”, avrebbe scritto Tyson in seguito. Deve essere stato un sollievo per un ragazzo la cui vita era sempre stata fuori controllo sottoporsi alla disciplina e accettare il rispetto di un uomo simile. Quattro anni dopo, quando la madre di Tyson morì, D’Amato divenne il tutore legale di Tyson. Rimase, come dice Sportscasting, “l’unica persona a incutere paura a Tyson”.

Era una relazione sana, forse la prima nella vita di Tyson, ma di breve durata. D’Amato morì nel 1985, quando Tyson aveva ancora 19 anni. Un tratto della East 14th Street a New York ora porta il suo nome (tramite Village Presentation ). 

Fonte: https://www.grunge.com/981868/the-trainer-who-impacted-mike-tysons-life-in-an-unexpected-way/?utm_campaign=clip

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.