Atletica: Marcell Jacobs premiato dalla stampa ”Non me l’aspettavo”

Marcell Jacobs,  campione dei 100 metri e della staffetta 4×100 alle passate Olimpiadi di Tokyo 2020 , ha dichiarato che “la preparazione mentale è stata un passo fondamentale nell’allenamento” ricevendo il premio come ‘Miglior atleta’ of the Year’ dell’Associazione della Stampa Estera in Italia.

Il velocista, che è diventato il primo italiano nella storia a vincere in questa disciplina, ha rivendicato l’importanza della salute mentale nello sport alla cerimonia di premiazione, in cui ha parlato anche con i giornalisti.

“L’allenamento mentale è stato un grande passo che abbiamo già costruito, ma che dovevamo mettere in atto. È un modo per evitare, tra virgolette, la pressione. Prima mi concentravo molto sugli avversari e su ciò che la gente si aspettava da me, non su quello che volevo io” , ha detto Jacobs che ha firmato il record europeo con i suoi 9,80.

“È stato molto importante dal punto di vista personale perché non abbiamo lavorato solo in pista ma anche su me stesso, sbloccando quelle cose che tieni dentro . È un processo che sicuramente continueremo a fare con la squadra” ha aggiunto il velocista.

Erede della leggenda giamaicana Usain Bolt , Jacobs è tornato in pista venerdì scorso, dopo una pausa di sei mesi, per aprire la stagione a Berlino e ha sottolineato l’ importanza della presenza del pubblico sugli spalti , cosa che non ha potuto apprezzare durante la finale olimpica nel paese giapponese.

“Vincere con uno stadio vuoto non è la cosa migliore, anche se quando ci mettiamo sui blocchi lo stadio si ammutolisce. Per noi avere o non avere un pubblico non cambia molto. Ma avere il pubblico a Berlino è stato bello , ha portato il competizione ai massimi livelli e quando i fan cantano il tuo nome è bellissimo”, ha confessato.

I Giochi Olimpici erano vicinissimi alla cancellazione a causa della situazione socio-sanitaria generata dal covid-19, ma il Giappone ha deciso di andare avanti con l’evento sportivo: “Ci siamo trovati in una situazione in cui potevamo praticamente fare qualsiasi cosa, non eravamo limitati negli allenamenti, nelle competizioni e nella vita di tutti i giorni. “Penso che sia stato incredibile quello che il Giappone è riuscito a fare per ospitare queste Olimpiadi, non è stato facile. Ci hanno messo alla prova ogni giorno , ma non è stato così invasivo come si potrebbe sembrare. Mi sono divertito, ” ci hanno lasciato abbastanza liberi nonostante la mascherina e il distanziamento”, ha sottolineato.

Nato negli Stati Uniti, anche se vive in Italia fin da bambino, campione olimpico anche nella staffetta 4×40, ha gli occhi puntati sui Mondiali di Belgrado , che si terranno a marzo di quest’anno, e spera per arrivare nella migliore forma fisica a quella prova.

“Fisicamente mi sento molto bene. Abbiamo fatto un buon lavoro per arrivare a questo punto e iniziare le gare nelle migliori condizioni possibili. È normale che ci voglia del tempo per raggiungere il picco della forma, che avremo nel corso dei campionati del mondo, ma siamo partiti molto bene rispetto alla scorsa stagione ”.

Già nel 2017 Jacobs ha gareggiato sullo stesso palco per l’evento mondiale, ma l’atleta ha dichiarato che “non è andata bene come mi aspettavo”. “Ora sono un altro atleta, un’altra persona. Sono consapevole di quello che posso fare e voglio scendere in pista e competere e dare il massimo”, ha detto.

La Foreign Press Association ha inoltre assegnato il premio come ‘Miglior Atleta Straniero in Italia’ allo svedese del Milan Zlatan Ibrahimovic e il riconoscimento alla carriera sportiva alla nuotatrice italiana Federica Pellegrini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.