musica

Finale dell’Eurovision sarebbe in pericolo?: L’Irlanda non partecipa alla prova finale e Grecia e Svizzera si uniscono alla causa

Questa è l’edizione più controversa dell’intera storia dell’Eurovision. La partecipazione di Israele ha suscitato innumerevoli reazioni e la celebrazione del festival è più nell’aria che mai. I diversi rappresentanti si rifiutano di condividere il palco con Eden Golan. In un modo o nell’altro, tutti stanno dimostrando di essere disposti ad arrivare alle conseguenze estreme. L’organizzazione dell’Eurovision ha programmato un incontro a causa delle decisioni dei diversi partecipanti.

L’Irlanda non partecipa alla prova finale

Bambie Thug si è opposto all’EBU e ha deciso di non presentarsi alle prove finali prima dell’inizio dell’Eurovision 2024. Una decisione che potrebbe avere conseguenze future. Così la donna irlandese lo ha spiegato sui suoi social network: “Si è verificata una situazione mentre aspettavamo di salire sul palco e partecipare alla sfilata degli artisti, motivo per cui ho richiesto l’attenzione urgente dell’EBU. Questa questione ha richiesto seriamente e abbiamo discusso delle azioni da intraprendere.”

Grecia e Svizzera non compaiono alla parata delle bandiere

Questi due paesi, insieme all’Irlanda, sono stati i tre che hanno deciso di non partecipare alla prova della parata della bandiera. È la prima volta nella storia dell’Eurovision che accade qualcosa di questo calibro.

Margaret Berger, rappresentante della Norvegia nel 2013, ha condiviso il seguente post esprimendo la sua opinione su ciò che sta accadendo: “Se Israele vince, l’Eurovision stasera sarà morta”.

Il Portogallo cambia guardaroba e usa un marchio palestinese

È stato l’ultimo dei gesti di uno dei partecipanti. La rappresentante del Portogallo, Iolanda, ha deciso di cambiare guardaroba e scommettere, insieme a tutta la sua squadra, su un marchio palestinese chiamato Trashy Clothing. Al momento aleggiano dubbi sulla scena di Malmö

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.