Atletica: polemica Transgender, la lanciatrice britannica lancia l’allarme, “continuare a consentire a queste persone di competere nella categoria femminile ‘annienterà’ le donne biologiche come me…”

La campionessa britannica di lancio del peso Amelia Strickler ha criticato la possibilità che le donne transgender possano continuare a competere nella categoria femminile e afferma che nessuna quantità di soppressione ormonale può annullare i vantaggi della pubertà maschile.

Il Telegraph ha riferito durante il fine settimana che World Athletics ha iniziato a consultare le sue federazioni affiliate su una proposta di modifica delle regole che aumenterebbe le restrizioni sulle donne trans ma non le vieterebbe completamente.

E reagendo a questo sviluppo, Strickler ha affermato che le donne biologiche nello sport sono “fregate” se nessuno ne parla – e che le regole potrebbero persino spingerla verso il ritiro.

‘L’attrezzo di lancio (il peso) femminile pesa la metà [di quello maschile]. Oltre a tutta la forza che hanno acquisito negli anni, c’è il vantaggio in altezza, l’apertura alare, tutte cose che gli ormoni non possono sostituire… angoli dell’anca, capacità polmonare ecc. L’allenamento sarebbe più facile per loro. Questo è solo un dato di fatto.

‘Sono sinceramente preoccupata. Questa è la mia carriera. Se entrerà in vigore a marzo, entro marzo 2025 potrei andare in pensione, ha detto Strickler, che ha aggiunto di non avere problemi con le donne trans che gareggiano in una categoria diversa.

Le donne transgender sono attualmente autorizzate a competere nella categoria atletica femminile da World Athletics, ma sarebbe più difficile per loro farlo se le nuove regole entrassero in vigore. La decisione finale verrà presa a marzo.

I documenti visti dal Telegraph mostrano che “l’opzione preferita” dell’organizzazione sarebbe quella di dimezzare il testosterone plasmatico massimo consentito per le donne trans a 2,5 nanomoli per litro e raddoppiare il periodo in cui devono rimanere al di sotto di tale soglia prima di poter competere. 

Tuttavia, Strickler – che ha vinto due volte il titolo nazionale britannico – non pensa che l’organizzazione stia facendo abbastanza, e ha detto che lo sport potrebbe approfondire un “tutti contro tutti” se le donne trans fossero continuamente autorizzate a competere al fianco di donne biologiche.

‘Il fatto che World Athletics, non abbia [puntato] i piedi, penso che sia davvero, davvero sconvolgente’, ha detto la lanciatrice’.

Il presidente di World Athletics, Lord Coe, ha dichiarato a novembre, dopo il consiglio dell’organo di governo, che l’organizzazione avrebbe “seguito la scienza” per “proteggere la categoria femminile”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.