motori

WorldSBK a Misano: per Pirelli tris di novità e debutto nel Mondiale Femminile

Pirelli è Event Main Sponsor deI quarto round stagionale del Campionato Mondiale FIM Superbike, che si svolgerà nel fine settimana al Misano World Circuit “Marco Simoncelli” di Misano Adriatico e che per l’occasione viene rinominato Pirelli Emilia-Romagna Round. Un appuntamento importante per la casa di pneumatici italiana che, proprio a Misano, ha deciso di far debuttare tre nuovi pneumatici: due per la classe WorldSBK e uno per la WorldSSP.
 
In aggiunta, Pirelli sarà al fianco delle giovani donne pilota del Campionato Mondiale di Motociclismo FIM femminile, che a Misano disputeranno il primo round in assoluto di questa competizione, di cui Pirelli è fornitore unico di pneumatici.

GIORGIO BARBIER ITALIANO

Alcune novità e un nuovo impegno nel Mondiale Femminile

“In occasione della tappa italiana abbiamo deciso di far debuttare alcune novità in linea con la nostra filosofia di continuo sviluppo di nuove soluzioni per migliorare anno dopo anno la gamma. Per la classe WorldSBK, al posteriore stiamo continuando il lavoro sulla SCX per migliorarne velocità di percorrenza e protezione dall’usura, pur preservando le prestazioni di aderenza alla massima piega che la soluzione di gamma già offre. All’anteriore invece stiamo lavorando, in entrambe le classi, per evolvere la specifica SC1 verso un maggior supporto in termini di stabilità e precisione. Conosciamo bene il circuito di Misano, quindi, per noi è il terreno ideale per fare delle comparative di dati. A partire da questo round saremo impegnati anche in un’altra bella avventura, quella che ci vedrà al fianco delle ragazze del Campionato Mondiale di Motociclismo FIM femminile di cui saremo fornitori unici. Abbiamo sposato con entusiasmo questa iniziativa perché ne condividiamo i valori di inclusione e apertura. Le ragazze hanno già fatto un test a Cremona un paio di settimane fa iniziando a prendere confidenza con le mescole SC1 che hanno in allocazione per anteriore e posteriore, ora il debutto in gara: faccio a tutte loro i miei migliori auguri per questa prima stagione!”

DA TENERE D'OCCHIO

· Novità WorldSBK: Pirelli metterà a disposizione un nuovo pneumatico SC1 con specifica D0279 per l’anteriore, che mantiene la mescola della SC1 di gamma ma presenta una diversa carcassa studiata per dare maggiore stabilità e precisione di guida. Per il posteriore, la novità è la SCX con specifica D0339, che si differenzia dalla soluzione di gamma sia nella struttura sia nella mescola, con l’obiettivo di mantenere il livello di grip che questa già offre al massimo angolo di piega ma incrementare trazione e velocità in fase di percorrenza di curva e offrire una maggiore protezione dall’usura. Ad affiancare le nuove soluzioni ci saranno le opzioni di gamma SC1 e SC2 all’anteriore e SCX e SC0 al posteriore, oltre alla SCQ esclusivamente destinata all’utilizzo in Superpole e Superpole Race.
 
· Novità WorldSSP: la soluzione di sviluppo per i piloti è la SC1 con specifica D0444, un pneumatico anteriore che mantiene la mescola della SC1 di gamma ma si differenzia nella carcassa, mirata a offrire maggiore stabilità e precisione. Questa si aggiunge alle opzioni SC1 e SC2 per l’anteriore e SCX e SC0 per il posteriore.

· Campionato Mondiale di Motociclismo FIM femminile: sono 24 le donne pilota, provenienti da 18 nazioni, che prenderanno il via alla prima edizione assoluta del Campionato, anche conosciuto come WorldWCR. Le moto saranno equipaggiate con pneumatici Pirelli DIABLO Superbike in misura 120/70 R17 anteriore e 180/60 R17 posteriore, entrambi in mescola SC1. Ogni pilota avrà a disposizione tre pneumatici anteriori e tre posteriori per ogni fine settimana. In caso di pioggia, le coperture a disposizione saranno le DIABLO Rain in mescola SCR1, con la stessa misura delle slick all’anteriore ma 200/60 R17 al posteriore.

· Il tracciato: lungo 4226 metri, largo 12 e con un rettilineo di 430 mt., il Misano World Circuit “Marco Simoncelli” presenta 16 curve, 10 a destra e 6 a sinistra.  Sono tre le virate strette che richiedono frenate energiche e stabilità dell’anteriore, per tentare manovre di sorpasso: la 1, la 8 e la 16. Quest’ultima presenta un’ulteriore insidia: si arriva a curvare a sinistra dopo una sequenza di curve tutte sulla destra; quindi, in caso di asfalto freddo la gestione della temperatura del pneumatico è determinante. La prima parte di circuito, fino alla curva 6, è mista e stretta e le curve si affrontano a velocità molto bassa e con importanti angoli di piega: qui l’aderenza in “edge” è molto importanteDalla 8 alla 12 è un susseguirsi di pieghe accentuate a velocità considerevoli, dove emerge la capacità dei piloti di sfruttare al meglio la performance offerta dai pneumatici.