Venne investito mentre era in bicicletta, l’ex decatleta Ben Gregory si è “guarito miracolosamente” dopo essere stato in coma per molte settimane

L ex decatleta Ben Gregory, che ha trascorso diverse settimane in supporto vitale dopo un incidente mentre andava in bicicletta a Londra, hA avuto una “guarigione miracolosa” dalle ferite quasi mortali dell’incidente, anche se il 31enne rimarrà in ospedale almeno fino a metà del 2023 mentre la sua riabilitazione continua.

Gregory, che si è ritirato dalle competizioni nel 2019, il 19 agosto stava tornando a casa in bicicletta dal suo lavoro di allenatore di forza e condizionamento in una palestra di Londra quando è stato buttato giù dalla bicicletta da un pilota.

L’incidente lo ha lasciato con ferite potenzialmente letali tra cui una frattura al collo e al cranio, oltre a molteplici emorragie cerebrali, ed è stato trasportato al Royal London Hospital dove è rimasto in coma indotto per un certo numero di settimane.

Gregory, che ha gareggiato per la Gran Bretagna e ha anche rappresentato il Galles in tre edizioni dei Giochi del Commonwealth, sta ora continuando il suo recupero presso l’Unità di riabilitazione neurologica di Wellington a St John’s Wood, a nord-ovest di Londra.

Anche se rimarrà lì per almeno sei mesi e continuerà ad aver bisogno di terapia una volta che sarà dimesso, ha detto a Sky News sua madre Lorraine, che la sua guarigione è stata “miracolosa”.

Ha dichiarato all’emittente: “Uno dei paramedici dell’equipaggio dell’eliambulanza che ha portato Ben al Royal London, un ragazzo di nome Frank, ha detto che non pensava che Ben potesse sopravvivere alle ferite, perché le persone di solito non lo fanno.

“Ha continuato a visitare Ben da quando lo ha portato qui, lo ha visto la scorsa settimana e ha detto che la sua guarigione è stata miracolosa. Senza la London Air Ambulance, Ben non sarebbe qui oggi al 100%.

Sky News afferma che gli amici e la famiglia del decatleta hanno intrapreso una serie di sfide per raccogliere fondi per Gregory, che non potrà tornare nell’appartamento dove vive con la sua fidanzata, Naomi Heffernan, anche perché non è accessibile in sedia a rotelle.

Ha anche ricevuto messaggi di sostegno da amici e sostenitori dal Regno Unito e oltre, con la signora Gregory che ha detto: “Siamo rimasti tutti stupefatti dall’amore e dal sostegno per Ben, da persone di tutto il mondo”.

Anche i suoi amici Tom Wallace e Alex Banks intraprenderanno una corsa di 60 km il prossimo martedì 20 dicembre lungo il Tamigi da Windsor a Henley e poi di nuovo a Marlow per raccogliere fondi per la London Air Ambulance.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.