Ufficiale: la FIFA espelle la squadra russa dai Mondiali di calcio 2022

La FIFA dopo le minacce è passata all’azione cacciando la Russia dai playoff dei Mondiali e quindi dal Qatar 2022. Anche la squadra femminile russa, la prossima estate non potrà più disputare l’Europeo in Inghilterra . La UEFA, in sintonia, ha concordato di escludere tutte le squadre russe dalle competizioni continentali fino a nuovo avviso , e il primo colpito sarà lo Spartak Mosca, che non potrà giocare l’Europa League contro il Lipsia, aveva già avvertito la FIFA dopo il suo Consiglio domenica scorsa che “c’è la possibilità che la Russia venga esclusa dagli spareggi per i Mondiali e quindi dai Mondiali 2022”. Questa minaccia è stata soddisfatta oggi, lunedì 28 febbraio , dopo che l’Esecutivo UEFA l’ha ratificata in una riunione straordinaria convocata d’urgenza dal suo presidente, Ceferin, che in precedenza aveva avuto una conversazione con il suo omologo FIFA, Infantino.

La decisione della FIFA, supportata dalle sue sei federazioni continentali e subcontinentali, ha tenuto conto anche della posizione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), che ha chiesto ai suoi comitati nazionali di vietare agli atleti russi e bielorussi di gareggiare in qualsiasi competizione . Il CIO ha giustificato la sua decisione con il suo obbligo di “proteggere l’integrità delle competizioni mondiali e la sicurezza di tutti i partecipanti”. Inoltre, sia la FIFA che la UEFA non hanno potuto guardare dall’altra parte di fronte al clamore dell’Unione Europea. Inghilterra, Galles, Danimarca, Olanda e Francia avevano deciso di non far suonare l’ inno russo. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha già affermato che sarebbe “inconcepibile” l’esistenza di “normali relazioni sportive” con la Russia di Putin dopo l’invasione dell’Ucraina.

La pressione di tutti i paesi europei per l’invasione dell’Ucraina è stata quindi decisiva per la FIFA, che ha assistito alla posizione della Polonia, paese contro il quale la Russia ha dovuto disputare lo spareggio a fine marzo, e anche alla posizione di Svezia e Repubblica Ceca, le altre due squadre che si contendevano il posto europeo per la Coppa del Mondo e che avrebbero potuto incrociare la strada della Russia . Tutti e tre i paesi erano irremovibili. Il direttore esecutivo della Federcalcio danese, Jakob Jensen, ha chiesto misure più severe contro la Russia: “Chiediamo che la Russia venga esclusa finché questa situazione persiste ” . Anche la Federazione d’Inghilterra non è stata da meno:”Questa decisione è stata presa per solidarietà con l’Ucraina e per condannare le atrocità che la Russia sta commettendo”, ha rivelato in una nota.

Alekander Dyukov, rappresentante della Russia nel Consiglio UEFA, ha espresso la sua forte opposizione alle misure e da Mosca avvertono che la decisione avrà altre conseguenze oltre il campo di gioco . Dyukov, oltre ad essere membro della UEFA, è l’amministratore delegato di Gazprom e un buon amico di Putin, poiché entrambi sono nati a San Pietroburgo. Al momento, la UEFA ha deciso di porre fine alla sua associazione con Gazprom in tutte le competizioni . La decisione ha effetto immediato e copre tutti gli accordi esistenti, inclusi Champions League, competizioni UEFA per nazionali ed Euro 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.