atletica

Trials Usa atletica 2024: Noah Lyles stratosferica doppietta, vince anche i 200 metri dopo i 100

Noah Lyles due volte campione del mondo in carica della manifestazione, il vincitore dei 100 metri all’inizio della settimana, ha conquistato anche la vittoria nei 200 metri maschili in 19.53 sabato (29 giugno) alle prove a squadre olimpiche degli Stati Uniti – atletica leggera , facendo segnare un tempo di vantaggio mondiale e rompendo il record record esistente dei Trials stabilito da Michael Johnson nel 1996.

La vittoria di Lyles all’Hayward Field di Eugene, Oregon, gli consentirà di partecipare alle Olimpiadi di Parigi 2024 in due eventi, oltre alle potenziali staffette, dopo la vittoria nei 100 metri.

Un Lyles entusiasta ha tagliato il traguardo proprio davanti a Kenny Bednarek , il cui 19.59 è stato il record personale. Erriyon Knighton ha completato i primi tre con 19.77, il che significa che il ventenne tornerà per una seconda Olimpiade.

Lyles ora punta ai Giochi, dove ha grandi progetti. Grandi, grandi progetti.

“Conquistare un record mondiale è una delle due cose che mi restano da fare: una è conquistare un oro olimpico, e poi, due, conquistare un record mondiale. È sulla lista”, ha detto Lyles a uno sciame di giornalisti.

Fa tutto parte del grande piano, ha detto: “Il mio obiettivo è essere il più grande. È solo qualcosa che devo ottenere… voglio ottenere. “

Bednarek correrà anche sia i 100 che i 200 metri.

“[Questo] significa il mondo raddoppiare alle Olimpiadi e rappresentare il mio paese”, ha detto alla NBC. “Questa gara. Ce l’avevo, ma mi sono un po’ irrigidito, quindi prenderò [Lyles] la prossima volta”.

La delusione è continuata per Christian Coleman , che ha mancato di poco il quarto posto (19.89), lo stesso in cui si era classificato nei 100 metri.

Lyles ha realizzato tutto ciò che si era prefissato qui ai Trials statunitensi?

“Beh, affermi che andrai là fuori e vincerai quattro medaglie [alle Olimpiadi]”, ha detto, riferendosi ai suoi obiettivi più grandi per i Giochi sia negli sprint che nelle staffette. “Quindi, l’obiettivo doveva essere vincere i 100 e i 200. Quindi, il lavoro è compiuto”.

Ha aggiunto: “Non siamo arrivati ​​qui con l’intenzione di raggiungere il picco della stagione, ma in un certo senso ci stiamo avvicinando al picco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.