Ciclismo

Tour de France 2024: ecco la guida tappa per tappa

Prima tappa, sabato 29 giugno: Firenze-Rimini, 206 km

Un primo Grand Départ in Italia , ironia della sorte quando il talento ciclistico in questo tradizionale cuore è incredibilmente scarso. Ci sarà a malapena qualche italiano sulla lista di partenza e non ci sono prospettive di ripetere l’ultima vittoria assoluta dell’Italia, Vincenzo Nibali nel 2014. Una tappa di apertura drammaticamente dura è adatta al talento incisivo di Giulio Ciccone; però, con tre salite di seconda categoria, chi scommetterebbe contro Tadej Pogacar che tenta di avvantaggiarsi in anticipo?

Seconda tappa, domenica 30 giugno: Cesenatico- Bologna , 199 km

L’inizio di oggi è dedicato a Marco Pantani, a 20 anni dalla morte; il “Pirata”, vincitore di Tour e Giro nel 1998, è cresciuto a Cesenatico, che gli ha dedicato un museo e una statua. La giornata di oggi non è adatta ai velocisti, con due salite della salita San Luca negli ultimi 32 km. È una salita incisiva utilizzata nel Giro dell’Emilia, vinto nel 2023 da Primoz Roglic, ed è perfetta per Mathieu van der Poel.

Lunedì 1 luglio terza tappa: Piacenza-Torino, 230,5 km

Dopo Gino Bartali sabato, Pantani domenica, se è lunedì dev’essere una tappa che rende omaggio a Fausto Coppi, passando per Tortona, città natale del campionissimo . Per quanto riguarda l’azione, oggi le cose dovrebbero sistemarsi – brevemente – con una fase di sprint relativamente innocua, anche se lunga, che offre una prima possibilità di valutare la forma dei fastmen e una prima opportunità per Mark Cavendish di puntare per quel record. -vittoria di tappa decisiva.

Quarta tappa, martedì 2 luglio: Pinerolo-Valloire, 140 km

Sono finiti i giorni in cui la settimana di apertura del Tour era un susseguirsi avvincente di tappe sprint: questa è pura arrampicata. I primi 50 km sono in salita, ma il bruciore arriva alla fine; è senza precedenti che il Tour superi un passo alto come il Galibier così presto. Se il campione in carica, Jonas Vingegaard, è a corto di forma, lo scopriremo qui; il finale in discesa si adatterà a Tom Pidcock, probabilmente il discensore più veloce del gruppo.Interattivo

Mercoledì 3 luglio quinta tappa: Saint-Jean-de-Maurienne-Saint-Vulbas, 177,5 km

Una corsa fuori dalle Alpi attraverso Chambéry, sede della squadra Decathlon-Ag2R sin dalla sua fondazione nel 1992. Questa dovrebbe essere una seconda tappa sprint, e Decathlon sarà entusiasta di lanciare il velocista irlandese Sam Bennett, pronto a tornare al Tour per la prima volta dal 2020. Quest’anno ha vinto quattro sprint, ma resta da vedere se avrà le gambe del vincitore dei punti dell’anno scorso, Jasper Philipsen.

Sesta tappa, giovedì 4 luglio: Mâcon-Digione, 163,5 km

Il primo di due giorni tra alcune delle annate più leggendarie della Francia , superando Meursault, Chassagne-Montrachet e Pouilly, e questo dovrebbe seguire lo stesso schema del giorno prima: una fuga condannata e un finale frenetico prima di uno sprint di gruppo. A questo punto dovrebbe essere chiaro quale dei velocisti sarà il premier cru di quest’anno ; Philipsen sarà il favorito, ma c’è molta concorrenza con Cavendish, Bennett, Dylan Groenewegen e Fabio Jakobsen che probabilmente potrebbero minacciare.

Settima tappa, venerdì 5 luglio: Nuits-Saints-Georges a Gevrey-Chambertin, cronometro individuale, 25,3 km

Una cronometro tra due nomi che farà venire l’acquolina in bocca agli appassionati di vino offre una gustosa terza istantanea della forma dei favoriti dopo le giornate uno e quattro. Questa è una situazione piatta, quindi favorirà Remco Evenepoel, il campione del mondo in carica, che ha dominato una tappa simile al Giro dello scorso anno, e dovrebbe essere quasi imbattibile qui. Se Roglic, Pogacar e Vingegaard – e il vincitore del 2019 Egan Bernal – riescono a limitare le loro perdite a pochi secondi, la partita è aperta.

Sabato 6 luglio ottava tappa: Semur-en-Auxois-Colombey-les-Deux-Églises, 183,5 km

La carrellata mozzafiato di punti di riferimento culturali, culinari e storici continua: ora andiamo alla casa e luogo di sepoltura di Charles de Gaulle. Nel 1960, in viaggio verso Troyes, i cavalieri si fermarono per salutare il leader francese in tempo di guerra; In modo anti-climatico, Pierre Beuffeuil, in posizione umile, ha approfittato della sosta per stroncare la strada e vincere la tappa. Nessuna possibilità che ciò accada oggi; aspettatevi un quarto sprint di gruppo.

Nona tappa, domenica 7 luglio: Troyes-Troyes, 199 km

Mentre la Francia si reca alle urne per il secondo turno delle elezioni anticipate di Macron, sul Tour è una giornata tesa fatta di continue piccole salite e 14 tratti di strade sterrate attraverso i vigneti dello Champagne. Sarà polveroso e spettacolare, e ci saranno forature e incidenti, soprattutto se piove. Pogacar lo apprezzerà, avendo vinto due volte la gara italiana Strade Bianche molto simile; Potrebbero brillare anche gli specialisti del ciclocross Van der Poel e Wout van Aert.

Martedì 9 luglio 10a tappa: Orléans-Saint-Amand-Montrond, 187,5 km

Piatto e innocuo sulla carta, ma quando il vento soffiò qui nel 2013 la gara si divise in pezzi, con Alberto Contador che mise in difficoltà Alejandro Valverde. Con tre cambi di direzione sulle strade esposte negli ultimi 30 km, ciò potrebbe accadere di nuovo. Un’opportunità per i massicci norvegesi della Uno-X di organizzare una vittoria di tappa per l’esperto Alexander Kristoff, ma il vincitore qui in quella giornata ventosa del 2013 non era altro che Cavendish.

Tappa 11, mercoledì 10 luglio: Évaux-les Bains-Le Lioran, 211 km

Non c’è tregua in questo Tour; questa è una giornata brutale nel Massiccio Centrale: 4000 m di salita, culminanti in 60 km finali malvagi, inclusa la ripidissima salita del Puy Mary e due salite più brevi prima del traguardo. Dovrebbe esserci una grande pausa fin dall’inizio per contendersi la vittoria di tappa – il finale si adatta a un pilota incisivo come l’ irlandese Ben Healy – mentre i favoriti si guardano attentamente per individuare segnali di debolezza.

Giovedì 11 luglio 12a tappa: Aurillac-Villeneuve-sur-Lot, 204 km

Su terreni “pesanti” dove sarà difficile per una squadra organizzare un inseguimento, questo dovrebbe offrire una classica battaglia tra i fuggitivi e le squadre dei velocisti; gli ultimi due arrivi qui sono andati a finire nella pausa. Il profilo bitorzoluto si adatterà a un principiante del Tour: come il 22enne belga Arnaud de Lie. “Il toro” viene dalle Ardenne, sa superare le salite e ha vinto classiche come il GP del Québec e la Tro-Bro Léon.

Venerdì 12 luglio 13a tappa: Agen-Pau, 165,5 km

Per la 75a volta il Tour ha visitato il “belvedere dei Pirenei”. Dopodiché resta solo una fase sprint, quindi la pressione sarà sugli uomini veloci rimasti in gara, soprattutto se finora hanno mancato il traguardo. Ci sono un paio di salite nel finale che potrebbero cogliere di sorpresa chiunque sia in difficoltà, ma questa sarà un’altra giornata per Philipsen, Jakobsen, Groenewegen et al.

Sabato 13 luglio 14a tappa: Pau-Saint-Lary-Soulan/Pla d’Adet, 152 km

Il Tour ritorna su questo traguardo leggendario per il 50° anniversario dell’improbabile vittoria di Raymond Poulidor davanti a Eddy Merckx. Con due salite di “super categoria”, è una buona giornata per qualcuno che possa rivendicare fermamente la maglia a pois di Re delle Montagne. Un grande gruppo di corridori fuori dalla cerchia dei favoriti dovrebbe disputare la tappa; la salita finale di 10 km andrà bene per Vingegaard – se ha riacquistato qualcosa di simile alla sua vecchia forma – o per il giovane spagnolo Carlos Rodríguez.

Tappa 15: domenica 14 luglio: da Loudenvielle al Plateau de Beille, 198 km

Ancora cattiveria pirenaica; chi è in difficoltà temerà la partenza direttamente sul Col de Peyresourde. Tre prime salite di prima categoria ammorbidiscono le gambe, il Col d’Agnès creerà una prima selezione prima del culmine sui 15 km dell’“Altopiano delle Api”. È il giorno della Bastiglia, quindi gli scalatori francesi saranno in fermento: un’ultima fioritura per Romain Bardet o Warren Barguil, forse, o una svolta per Romain Grégoire o Lenny Martinez. Più probabilmente vincerà uno straniero.

Tappa 16: martedì 16 luglio: Gruissan-Nîmes, 189 km

La tappa finale dello sprint su un percorso generalmente pianeggiante. “Les grosses cuisses” non vogliono lasciarsi andare, anche se se dovesse soffiare il vento la gara potrebbe dividersi come è già successo qui in passato. Potrebbe andar bene il grande danese Mads Pedersen o il minuscolo francese Bryan Coquard, entrambi i quali potrebbero avere interesse per la maglia verde del vincitore a punti, visto il numero di tappe in cui i velocisti puri faranno fatica a segnare.

Tappa 17: mercoledì 17 luglio: da Saint-Paul-Trois-Châteaux a Superdévoluy, 178 km

Una tappa di “transizione”, per portare i corridori sulle Alpi per lo scontro finale che dovrebbe essere una buona occasione per i tuttofare di prendersi una pausa e lottare per il traguardo, quindi i primi chilometri saranno intensi. I cacciatori di palcoscenici come Magnus Cort, Ben Healy, Pello Bilbao o Simon Yates lo apprezzeranno. Con un fine settimana finale molto impegnativo all’orizzonte, i favoriti guarderanno e aspetteranno.

Tappa 18: giovedì 18 luglio: Gap to Barcelonnette, 180 km

Un’ultima occasione per una fuga prima che la battaglia generale diventi protagonista, anche se i continui alti e bassi delle cinque salite di terza categoria fanno sì che questa tappa possa interessare solo a un velocista in grado di arrampicarsi un po’, soprattutto se in palio c’è ancora la maglia verde . Se Pedersen o De Lie si sentono bene, i loro team Lidl-Trek e Lotto-Dstny potrebbero provare a tenere sotto controllo questo caso, ma buona fortuna dato il terreno.

Tappa 19: venerdì 19 luglio: da Embrun a Isola 2000, 145 km

Uno sprint anticipato con la maglia verde è l’ultima volta che vedremo i velocisti in azione, dopodiché sarà la giornata degli scalatori. Il Col de Vars è brutale, ma la Bonette è una classe a parte, la salita più alta affrontata dal Tour. Alcuni ricorderanno la coraggiosa fuga di Robert Millar da quel mostro nel 1993; come quel giorno, le possibilità che una fuga arrivi al traguardo sono minime poiché la battaglia generale sarà al centro della scena.

Tappa 20: sabato 20 luglio: Nizza-Col de la Couillole, 133 km

Meno corto del giorno prima, ma ancora più metri di dislivello. Ormai la maggior parte delle domande dovrebbero avere una risposta: Pogacar potrà mantenere la forma che gli è valsa il Giro, Evenepoel potrà trovare delle gambe da arrampicata nel suo primo Tour, far recuperare Roglic e Vingegaard dal loro terribile incidente di aprile, ed Egan Bernal ovunque vicino al suo vecchio sé? Come venerdì, questa è la giornata dei contendenti della classifica generale in un fine settimana finale del Tour assolutamente unico.

Tappa 21: domenica 21 luglio: Cronometro individuale da Monaco a Nizza, 33,7 km

Un primo traguardo in assoluto fuori Parigi, a causa delle Olimpiadi che inizieranno più tardi quella settimana. Il Tour non si concludeva con una cronometro dall’epopea LeMond-Fignon del 1989; se la vetta della classifica fosse serrata, anche questa potrebbe essere altrettanto memorabile ma solitamente ormai la gara è inchiodata. È tutt’altro che piatto e molto tecnico, il che suggerisce Pogacar o Vingegaard piuttosto che Evenepoel per la vittoria, ma il giorno 21 è in gran parte una questione di chi ha qualcosa in più nel serbatoio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.