Record fantasma di Crouser, è stato lui ad avvisare i giudici dell’errore di misurazione-IL VIDEO-

” Il lancio era più simile a un 22,50″, ha detto Ryan Crouser ai giudici dopo aver terminato la gara di lancio del peso ai Millrose Games di New York. Secondo quanto riferito, il gigante di Portland di 29 anni aveva battuto il suo record mondiale“Nell’istante in cui mi è uscito di mano ho capito che era buono”, ha assicurato il campione olimpico a Rio 2016 e Tokyo 2020 dopo l’evento dell’Oregon dello scorso anno. Per questo non aveva dubbi di essere molto lontano dall’aver avvicinato quel record, per non parlare di superarlo.

La dichiarazione del gigante USA (2,01 m e più di 140 chili) ha fatto scattare tutti gli allarmi del meeting di New York e più di due ore dopo la United States Athletics Federation (USATF) ha annunciato l’errore: “Gli ufficiali di gara hanno scoperto che il dispositivo di misurazione, che originariamente era posizionato e calibrato correttamente, era fuori posto durante la competizione. Di conseguenza, tutti i lanci nella competizione di lancio del peso maschile sono stati annullati”. Tra questi, oltre allo tiro di Ryan, i record italiano di Nick Ponzio, 21,85 e irlandese di Eric Favors, 19,99.

Ryan Crouser. ED JONES (AFP)

Crouser, rimasto imbattuto per 27 gare consecutive (da ottobre 2019) e 212 lanci oltre i 21 metri (di cui 78 superiori ai 22 e 4 oltre i 23), è rimasto soddisfatto nonostante l’annullamento del suo ‘nuovo record’: “Purtroppo il laser era sbagliato, so che molte persone rimarranno deluse per non aver fatto 23.38, ma per l’inizio dell’anno la prestazione è molto buona”. Nella testa del favoloso atleta che, per darvi un’idea, lancia un pacco di 24 lattine fino a 23,37 metri è quello di essere campione del mondo nella “casa sua” in Oregon a luglio, titolo che gli manca nel suo ottimo record …senza escludere che a marzo parteciperà anche ai Mondiali indoor di Belgrado.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.