Rally Dakar: la corsa resta in Arabia Saudita almeno fino al 2025

La Dakar resterà in Arabia Saudita e non attiverà la clausola di cambiare sede prevista dopo i primi cinque anni del contratto decennale che ha visto il celebre rally-raid imporsi nel regno nel 2020, ha dichiarato sabato 14 gennaio David Castera, direttore di gara. “Sono molto contento che rimaniamo, abbiamo ancora molti deserti da esplorare e c’è un potenziale enorme nel Paese” .

Il gruppo Amaury Sport Organization ASO, organizzatore del rally-raid, ha annunciato nell’aprile 2019 di aver deciso di “scrivere un nuovo capitolo” della sua storia “nei misteriosi e profondi deserti del Medio Oriente, in Arabia Saudita” . Si è poi parlato di un contratto quinquennale. Era un contratto di 10 anni, con una clausola di uscita dopo cinque anni, ha detto sabato il boss della Dakar.

Possibilità di andare nei paesi vicini

 I sauditi sono gli attori del progetto, e il regno è “un Paese di espressione della Dakar” , spiega senza fornire ulteriori dettagli sull’importo dell’appalto. ASO sta valutando la possibilità di aprire la rotta ai paesi limitrofi.

Dopo il Sahel e la prima edizione nel 1978, poi il Sud America dal 2009, la Dakar, il più grande rally-raid del mondo, nel 2020 ha fatto dell’Arabia Saudita la sua cornice. Una scelta che ha suscitato polemiche per le carenze in materia di diritti umani del regno ultraconservatore.

La potente economia del Golfo è regolarmente accusata di praticare sportwashing per migliorare la propria immagine e reputazione attraverso eventi sportivi. “Oggi abbiamo un grande cambiamento, si sta muovendo ad alta velocità” , assicura David Castera. “Non sono qui per fare politica ma per organizzare un evento sportivo che ha la legittimità di esistere qui perché ci sono motivi che si prestano”.

L’Arabia Saudita ha recentemente investito somme colossali per ospitare eventi di tennis e golf o un Gran Premio di Formula 1 e sta valutando un’offerta per ospitare la Coppa del Mondo FIFA nel 2030. Il club saudita Al-Nassr ha appena ingaggiato anche Ronaldo, cinque volte Pallone d’oro, fino al 2025, con un emolumento stimato in 200 milioni di euro per tutta la durata del suo contratto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.