Pugilato: a Emanuele Blandamura e FPI il premio ‘Books for Peace’

Un pugile nominato ‘ambasciatore’, nello specifico ‘for Peace Funvic Unesco Clubs Brasil’.

E’ successo oggi nel teatro Sala Pirandello a Roma, in occasione della Giornata Internazionale della Solidarietà Umana, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2005, evento conclusivo del Tour Mondiale (è presente in 5 continenti e ha toccato 61 paesi) del Premio Internazionale “Books for Peace”, nato da un progetto di un gruppo di associazioni: Funvic-Brasil club Unesc, Bfuca-Wfuca sezione Europa, Anaspol, Iadpes International Academy Diplomatic Pax et Salus, Associazione Nazionale Giudici di Pace.

Il riconoscimento , con il patrocinio dell’Unicef Italia, della Federazione delle associazioni Unesco Italia e degli Unesco club di Brasile, Tangeri e Mauritania, è andato al campione internazionale di pugilato Emanuele Blandamura, per le sue attività sociali e divulgative sul tema Bullismo nelle scuole, e alla Federazione Pugilistica Italiana (Fpi) per il progetto “Boxando S’Impara” contro ogni forma di violenza tra i giovani.

La Fpi era rappresentata dal segretario generale Alberto Tappa e dalla responsabile delle relazioni esterne Michela Pellegrini. Premiato anche l’Ufficio delle Relazioni Didattiche e Culturali dell’Ambasciata dell’Egitto a Roma, per aver promosso una cultura di convivenza pacifica tra i popoli Motore inarrestabile della “solidarietà” è Antonio Imeneo, Presidente di ‘Books for Peace’, che ha scelto di consegnare i riconoscimenti nel Teatro Pirandello attiguo al Muro delle Bambole, in quanto simbolo della lotta contro la violenza sulle donne e ideato da Michele Baldi, già consigliere della Regione Lazio e presente anche oggi. (ANSA).

/ 5
Grazie per aver votato!