Padel Mondiali: l’ Italia femminile ai quarti di finale

ANSA) – DUBAI, 02 NOV – Sole due ore e mezza per tre incontri.

Tanto è bastato all’Italia femminile per sbarazzarsi delle rivali del Messico e mettere in cassaforte la qualificazione per i quarti di finale del ‘DP World – World Padel Championships’, il campionato del mondo per nazioni in corso sui campi dell’Aviation Club di Dubai, negli Emirati Arabi.

Le azzurre, protagoniste nella prima giornata di un rotondo successo sull’Olanda, erano favorite a tal punto che la capitana Marcela Ferrari ha deciso di non schierare Giulia Sussarello e Roberta Vinci, punti di forza della formazione azzurra, ma le loro compagne non hanno tradito le attese, vincendo tre incontri senza difficoltà. A firmare l’1-0 sono state Carolina Petrelli – al debutto mondiale – ed Emily Stellato, che in appena 48 minuti hanno sconfitto per 6-1 6-3 Natalia Blanco ed Emma Reyes, lasciandosi avvicinare solo in alcune fasi del secondo set, mentre il punto del successo matematico l’hanno portato le romane Carolina Orsi e Valentina Tommasi, le quali hanno lasciato appena due game (6-2 6-0 il punteggio) ad Adriana Canepa e Michelle Rullan. A vittoria ormai in ghiaccio, è toccato a Chiara Pappacena e Giorgia Marchetti scendere in campo per completare la giornata: un compito che hanno onorato alla perfezione, battendo per 6-1 6-2 Ana Maria Cabrejas e Ana Paula De La Pena.


    Grazie alla seconda vittoria in altrettante sfide, unita al successo del Portogallo (che lunedì aveva battuto il Messico) sull’Olanda, le azzurre e le portoghesi hanno già la certezza di essere le due promosse dal Gruppo C ai quarti di finale . Lo scontro diretto servirà esclusivamente a decretare la prima classificata del girone: un dettaglio non da poco, visto che chiudere al primo posto vorrebbe dire affrontare ai quarti la seconda del Gruppo A e quindi evitare la Spagna campionessa in carica e favoritissima per un nuovo trionfo iridato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.