Olimpiadi di Tokyo: un’azienda di giocattoli avrebbe corrotto un ex dirigente


Una società responsabile della vendita di peluche con licenza ufficiale delle mascotte delle Olimpiadi di Tokyo è sospettata di aver donato diversi milioni di yen a un ex dirigente del comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo. Lo hanno affermato venerdì fonti investigative, in una serie di scandali di corruzione che hanno coinvolto i Giochi estivi dello scorso anno. .

I pubblici ministeri stavano indagando se Haruyuki Takahashi avesse fatto pressioni sul comitato per estendere il favore a Sun Arrow Inc. sulla vendita di peluche per l’evento sportivo mondiale.

L’ultima rivelazione è arrivata dopo che Takahashi, 78 anni, è stato incriminato all’inizio di questo mese per aver ricevuto tangenti per un totale di circa 51 milioni di yen dal rivenditore di abiti da lavoro Aoki Holdings Inc.

Gli è stato anche notificato un nuovo mandato d’arresto per aver presumibilmente accettato tangenti per un totale di 76 milioni di yen dalla principale casa editrice Kadokawa Corp.

Inoltre, Takahashi, ex amministratore delegato senior della più grande agenzia pubblicitaria giapponese Dentsu Inc, è sospettato di aver richiesto l’utilizzo di ADK Holdings Inc. e Daiko Advertising Inc per quanto riguarda la selezione degli sponsor.

Gli investigatori dovrebbero interrogare coloro che hanno familiarità con i ruoli delle agenzie pubblicitarie già la prossima settimana.

Sun Arrow è noto per la vendita di peluche raffiguranti personaggi di “My Neighbor Totoro” e “Kiki’s Delivery Service” dello Studio Ghibli, tra gli altri, e ha anche distribuito peluche delle mascotte delle Olimpiadi invernali di Nagano nel 1998.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.