Nuoto: Il russo Rylov è stato bandito per nove mesi per aver partecipato alla manifestazione di Putin

Il campione olimpico russo Evgeny Rylov è stato sospeso per nove mesi dalla FINA (organo di governo del nuoto) dopo aver partecipato a una manifestazione a sostegno dell’invasione russa dell’Ucraina.

Rylov, 25 anni, è stato uno degli atleti presenti alla manifestazione, organizzata dal presidente russo Vladimir Putin allo stadio Luzhniki di Mosca a marzo. Indossavano il simbolo pro-guerra della lettera “Z” sui loro vestiti.

Rylov ha vinto l’oro nei 100 e 200 dorso a Tokyo la scorsa estate. La FINA ha assicurato di aver vietato la sua partecipazione a “tutte le competizioni e le attività organizzate o sanzionate dal suo organismo” dopo la sua “partecipazione e condotta” alla manifestazione. La sua sospensione è entrata in vigore il 20 aprile.

Tuttavia, attualmente tutti i nuotatori russi e bielorussi non possono partecipare agli eventi FINA fino alla fine dell’anno, quindi la sospensione di Rylov durerà dagli allenamenti per soli 20 giorni, fino al 20 gennaio 2023.

Dopo la sua presenza a questo evento, Speedo ha annunciato di aver terminato il suo contratto di sponsorizzazione con Rylov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.