Novak Djokovic “rinchiuso” in una stanza sorvegliata dalla polizia all’arrivo in Australia

Torniamo sulla spinosa vicenda che sta colpendo Novak Djokovic. Una vicissitudine che poco ha a che fare con lo sport giocato. Il campionissimo serbo è addirittura trattenuto in una stanza con la polizia davanti dopo essere atterrato a Melbourne per gli Australian Open. Lo ha detto suo padre oggi, mercoledì 5 gennaio.
Djokovic ha ricevuto un’esenzione medica per giocare al primo torneo di tennis del Grande Slam della stagione, dove ha vinto nove volte ed è il campione in carica. L’esenzione gli consente di giocare indipendentemente dal suo stato di vaccinazione per il COVID-19, cosa che non ha rivelato, ma deve anche soddisfare rigide normative di frontiera per entrare nel Paese. Un atteggiamento, quello della polizia locale, che ripropone “pericolosi e drammatici momenti storici” che credevamo di aver superato e che invece inesorabilmente a volte vengono rigurgitati…!

“Novak è attualmente in una stanza in cui nessuno può entrare”, ha detto il padre di Djokovic, Srdjan Djokovic, al portale Internet B92. “Davanti alla stanza ci sono due poliziotti.” Parole che fanno rabbrividire.

Il quotidiano Age di Melbourne ha riferito che Djokovic era atterrato mercoledì prima della mezzanotte ora locale all’aeroporto di Tullamarine, ma il suo ingresso è stato ritardato a causa di un errore nella richiesta del visto.

La speculazione su un possibile problema con il visto è emersa mentre Djokovic era in transito e si è intensificata con messaggi contrastanti da legislatori federali e statali.

La rivelazione di Djokovic sui social media che si stava dirigendo in Australia alla ricerca di un 21esimo titolo importante da record ha suscitato numerosi dibattiti e molti titoli mercoledì, con i critici che si chiedono quali motivi potrebbe avere per l’esenzione e i sostenitori che sostengono che ha diritto alla privacy e alla libertà di scelta.

Il direttore del torneo Australian Open Craig Tiley ha difeso “la domanda e il processo completamente legittimi” e ha insistito sul fatto che non c’era un trattamento speciale per Djokovic.

Il governo dello stato di Victoria ha ordinato che solo i giocatori, lo staff, i fan e i funzionari completamente vaccinati possano entrare a Melbourne Park quando il torneo inizia il 17 gennaio.

Solo 26 persone legate al torneo hanno chiesto un’esenzione medica e, ha detto Tiley, solo una “manciata” è stata concessa.

I nomi, l’età e la nazionalità dei richiedenti sono stati oscurati per motivi di privacy prima che ogni domanda di esenzione dal vaccino fosse valutata da due gruppi di esperti indipendenti e Tiley ha notato che Djokovic non ha l’obbligo di rivelare il motivo per cui ne ha richiesto uno.
Tra i motivi consentiti per coloro che richiedono un’esenzione dalla vaccinazione possono includere gravi condizioni mediche acute, gravi reazioni avverse a una precedente dose di un vaccino COVID-19 o prove di un’infezione da COVID-19 nei sei mesi precedenti.


Il primo ministro australiano Scott Morrison ha inizialmente affermato che la decisione sull’esenzione medica era di competenza del governo di Victoria, dove Melbourne è la capitale dello stato.

“Hanno fornito [a Djokovic] un’esenzione per venire in Australia, quindi agiamo in conformità con questo”, ha detto Morrison. “Gli Stati forniscono esenzioni per l’ingresso delle persone su queste basi, e questo è successo negli ultimi due anni”.

Djokovic è risultato positivo al coronavirus nel 2020 dopo aver giocato in una serie di partite di esibizione che ha organizzato in Serbia e Croazia senza distanziamento sociale in mezzo alla pandemia.

È possibile che il 34enne Djokovic, che ha terminato una vittoria in meno di un Grande Slam dell’anno solare nel 2021 quando ha perso la finale degli US Open contro Daniil Medvedev, possa essere stato infettato di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.