Novak Djokovic, festeggia il Natale e ringrazia i tifosi durante la detenzione in Australia

Novak Djokovic ha ringraziato i suoi sostenitori oggi venerdì mentre combatte con il governo australiano per giocare ai prossimi Australian Open , il primo grande torneo della stagione tennistica. Il numero 1 del mondo, dovrà aspettare fino a lunedi 10 per conoscere il suo futuro.

Djokovic ha pubblicato il suo messaggio su Instagram mentre è rintanato in una squallida stanza di hotel di Melbourne in attesa di una decisione da parte del governo australiano se gli sarà permesso di giocare all’Open o se dovrà affrontare la deportazione.

“Grazie alle persone di tutto il mondo per il vostro continuo supporto. Lo sento ed è molto apprezzato”, si legge nella dichiarazione.

La superstar del tennis sta trascorrendo questo venerdì, un’importante festa religiosa, nello stesso hotel dove i funzionari del governo tengono anche rifugiati e richiedenti asilo. Djokovic è un membro della Chiesa ortodossa serba e nel 2011 ha ricevuto il più alto riconoscimento dalla chiesa per il suo lavoro di beneficenza.

Anche la moglie di Djokovic, Jelena, ha ringraziato i sostenitori in una serie di tweet.

“Oggi è Natale per noi, i miei auguri sono che tutti siano sani, felici, al sicuro e insieme alle famiglie. Vorremmo essere tutti insieme oggi, ma la mia consolazione è che almeno siamo sani. E da questa esperienza cresceremo ,” ha scritto.

“Grazie care persone, in tutto il mondo per aver usato la vostra voce per inviare amore a mio marito. Sto facendo un respiro profondo per calmarmi e trovare gratitudine (e comprensione) in questo momento per tutto ciò che sta accadendo”.

Può giocare all’Open di Francia

Le autorità australiane hanno affermato che la star di 34 anni non ha fornito prove di un’esenzione ed è stata detenuta, in attesa dell’espulsione.

La posizione di Djokovic sul vaccino contro il Covid ha sollevato interrogativi sulla sua partecipazione ad altri importanti tornei quest’anno.

Ma il ministro dello sport francese ha affermato che il suo paese gli avrebbe permesso di giocare all’Open di Francia, il prossimo torneo del Grande Slam dell’anno, che inizia a maggio, anche se non è stato vaccinato.

“Ci sono protocolli sanitari imposti per i grandi eventi dalle federazioni competenti che permetterebbero a qualcuno come Novak Djokovic di entrare nel Paese”, ha detto Roxana Maracineanu.

“Oggi in Francia non abbiamo le stesse regole dell’Australia per l’ingresso nel paese, né per gli atleti né per i cittadini di altri paesi”, ha aggiunto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.