Novak Djokovic ancora in ostaggio in Australia, trattato come un delinquente!

MELBOURNE (Reuters) Novak Djokovic trascorrerà almeno le prossime 72 ore in uno squallido hotel di Melbourne prima che si tenga lunedì la prossima udienza nella sua lotta per ribaltare il divieto di ingresso in Australia.

Il serbo è stato sequestrato in una stanza d’albergo di Carlton, 5 km a nord di Melbourne Park, dopo che le autorità gli hanno annullato il visto quando è arrivato in Australia mercoledì in tarda serata.

Oggi Giovedì 6 gennaio, durante un’udienza, i rappresentanti del campione serbo e del ministro dell’immigrazione hanno raggiunto un accordo sul fatto che non sarebbe stata intrapresa alcuna mossa per espellere il serbo prima dell’udienza di lunedì in un tribunale federale.

L’udienza sarà una settimana prima dell’inizio degli Australian Open 2022, un torneo in cui Djokovic ambisce a vincere il decimo titolo a Melbourne e portare il suo record a 21 titoli del Grande Slam.

Dopo l’aggiornamento dell’udienza a inizio giornata, la questione è stata riaperta in prima serata per l’esame di questioni procedurali.

In precedenza, il giudice Anthony Kelly aveva chiesto agli avvocati quando sarebbero iniziati gli Australian Open e quando il nove volte campione degli Australian Open avrebbe dovuto giocare la sua prima partita.

Nick Wood, che rappresenta Djokovic, ha affermato di essere disponibile a discutere la situazione del suo cliente con le autorità, osservando che la risoluzione del problema del visto è fondamentale.

Lo scorso febbraio, prima della sua difesa di successo all’Australian Open, Djokovic si è messo in quarantena in un hotel di lusso ad Adelaide ed è stato in grado di allenarsi presso il famoso tennis club Memorial Drive durante il suo periodo in isolamento.

Al contrario, l’hotel per l’immigrazione in cui è detenuto il 34enne, appena a nord del quartiere centrale degli affari di Melbourne, ha pochi ornamenti di lusso e ospita detenuti che sono stati trattenuti per periodi di tempo diversi. 

Giovedì pomeriggio i sostenitori di Djokovic sono stati raggiunti fuori dall’hotel da altri sostenitori dei diritti dei rifugiati che protestavano contro la loro prolungata detenzione.