NFL: Damar Hamlin dopo l’arresto cardiaco riesce a parlare e respira da solo

Arrivano finalmente delle buone notizie dagli Usa che riguardano lo sfortunato giocatore di Football Americano dei Buffalo Bills Damar Hamlin. L’atleta, respira da solo ed è in grado di parlare dopo che gli è stato rimosso il tubo respiratorio, lo ha dichiarato oggi venerdì il suo agente – l’ultimo passo nella sua straordinaria guarigione nei quattro giorni da quando è andato in arresto cardiaco a seguito di uno scontro di gioco ed è stato rianimato sul campo durante una partita contro i Cincinnati Bengals.

Hamlin si è persino unito alla riunione del team di Bills questa mattina tramite videoconferenza. Ha usato principalmente gesti delle mani – “alcune cose fondamentali per cui (i giocatori) lo conoscono”, ha detto l’allenatore di Bills Sean McDermott – e ha detto loro con la sua voce alla fine “vi amo ragazzi”.

Il 24enne era in condizioni fino a ieri giovedì mentre era ricoverato nell’unità di terapia intensiva del Centro medico dell’Università di Cincinnati e non ci sono stati aggiornamenti fino a stamattina. Prima che il tubo respiratorio venisse rimosso, Hamlin poteva comunicare scrivendo e afferrando le mani delle persone.

In una dichiarazione sempre di oggi, il team ha affermato che la “funzione neurologica di Hamlin rimane intatta ed è stato in grado di parlare con la sua famiglia e il team di assistenza”. L’agente Ira Turner non è stato in grado di fornire altri dettagli in un messaggio all’Associated Press. Gli aggiornamenti sono stati resi pubblici per la prima volta da The Athletic.

Il recupero di Hamlin continua a tendere in una direzione positiva dopo che il suo cuore si è fermato mentre faceva quello che sembrava essere un contrasto di routine nel primo quarto di una partita contro i Bengals lunedì sera. Il giocatore del secondo anno ha trascorso i suoi primi due giorni in ospedale sotto sedazione per consentire al suo corpo di riprendersi e su un ventilatore per aiutare la sua respirazione.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.