NBA: I giocatori che rifiutano il vaccino contro il Covid-19 potrebbero perdere milioni di stipendio

I giocatori NBA che scelgono di non essere vaccinati contro il Covid-19 potrebbero perdere milioni di dollari, lo ha confermato oggi mercoledì 29 settembre la lega. “Qualsiasi giocatore che sceglie di non rispettare i mandati di vaccinazione locali non verrà pagato per le partite che perde”, ha dichiarato Mike Bass, vicepresidente esecutivo delle comunicazioni della NBA.

L’NBA non richiede che i suoi giocatori siano vaccinati, sebbene siano sottoposti a protocolli più rigidi rispetto a quelli che hanno avuto il vaccino contro il Covid-19. Tuttavia, le leggi locali in città come New York e San Francisco vietano ai non vaccinati di accedere a determinati luoghi pubblici, comprese le aree sportive al coperto. Ciò significa che i giocatori non vaccinati di squadre come i Brooklyn Nets e i Golden State Warriors non potranno partecipare alle partite casalinghe.

Circa il 90% dei giocatori NBA è vaccinato, un tasso molto più alto rispetto alla popolazione complessiva degli Stati Uniti. Tuttavia, ci sono domande su alcuni giocatori di alto profilo. Il playmaker all-star dei Nets, Kyrie Irvingnon era al media day della squadra all’inizio di questa settimana e quando gli è stato chiesto del suo stato di vaccino ha risposto: “Mi piacerebbe solo mantenerlo privato e gestirlo nel modo giusto con la mia squadra e andare avanti insieme a un piano”. Andrew Wiggins dei Warriors ha detto che voleva anche mantenere privato il suo stato di vaccinazione.

Irving dovrebbe guadagnare poco meno di 35 milioni di dollari di stipendio in questa stagione , il che significa che le sue perdite sarebbero di milioni se saltasse ogni partita casalinga dei Nets. I rivali cittadini dei Nets, i New York Knicks, affermano che tutti i loro giocatori sono stati vaccinati.

Martedì, l’ex compagno di squadra di Irving, LeBron James, ha dichiarato di essere stato “molto scettico” inizialmente sul vaccino prima di decidere che fosse “la cosa giusta da fare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.