MotoGP, Paolo Ciabatti contro Valentino Rossi: “Ripartiti dopo i due anni fallimentari”

Dopo la splendida vittoria del titolo mondiale da parte di Pecco Bagnaia, la Ducati è ancora immersa nei festeggiamenti. Questo successo vale doppio dato che, prima di tutto, la Ducati non vinceva un Mondiale dal 2007 con Stoner, e in secondo luogo arrivato dopo anni di bocconi molto amari, come per esempio il triste biennio di Valentino Rossi.

A parlare di questo aspetto, a Motorsport.com, è il direttore sportivo Paolo Ciabatti:

“A livello personale, quando sono arrivato in Ducati nel 2013, pochi mesi dopo che Audi aveva comprato l’azienda dai precedenti proprietari della Investindustrial, ci sono stati parecchie modifiche. Il cambiamento principe è stato che Filippo Preziosi ha scelto di andarsene dopo due stagioni complicate, con enormi aspettative sul sodalizio Valentino/Ducati che non ha portato grandi cose. Questo ha lasciato parecchie lacune nell’organizzazione, a tutti i livelli. Quando sono tornato in Ducati, la situazione era un po’ questa, dunque abbiamo dovuto lasciare andare alcune persone alla fine del 2013. Anzi, se guardo a quella stagione, desideravo mollare a metà stagione. Non si andava da nessuna parte. Si veniva da due anni di flop con Valentino, andavamo avanti a fare fatica. I media erano molto negativi con noi, non avevamo una chiara direzione tecnica quell’anno”.

Sempre secondo Ciabatti, un gran merito della rinascita Ducati deve essere ricercato in Gigi Dall’Igna:

“Ho parlato col CEO Claudio Domenicali, dicendo che serviva fare qualcosa e che serviva prendere qualcuno in grado di gestire un progetto tecnicamente complesso come la MotoGP, e lui ha convinto Gigi a lasciare l’Aprilia. Da quel momento le cose sono andate davvero meglio, e a quel punto è stato difficile trovare persone che volessero investire in Ducati, perché con Valentino erano davvero pronti a sostenerci per ottenere la migliore copertura possibile. Avevamo fallito, è stato necessario ricreare la nostra credibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.