Moto, doppia tragedia: la madre del pilota Victor Steeman, muore 48 ore dopo la morte del figlio

La famiglia Steeman ha perso un figlio e una madre in meno di 48 ore. Questo è il riassunto del crudele esito della settimana nera che hanno vissuto. Flora Van Limbeek, che ha appreso della morte del figlio Victor la notte dell’11 ottobre, tre giorni dopo il suo incidente mortale nell’ultimo round del Mondiale Superbike nella categoria SSP300, è stata colpita da arrestato cardiaco lo scorso giovedì 13 pomeriggio nella sua casa a Lathum. Nonostante gli sforzi dei medici, non c’è stato nulla da fare e così, all’età di 59 anni si unita al tragico destino di suo figlio meno di 48 ore dopo.

Willem, padre e marito, aveva accompagnato il figlio all’ultima gara della manifestazione in Portogallo, dove aveva una matematica possibilità di diventare campione del mondo. Nella prima prova del weekend, l’8 ottobre, il pilota ha perso il controllo della sua Kawasaki Ninja 400 in mezzo al gruppo con la sfortuna che un altro concorrente lo ha colpito alle spalle. A causa delle gravi ferite riportate nell’incidente, il giovane è deceduto all’ospedale di Faro, nella regione dell’Algarve.

“È successo quello di cui abbiamo sempre avuto paura come genitori di un motociclista. Il nostro Victor non ha potuto vincere la sua ultima gara. Nonostante la straziante perdita e il dolore, siamo orgogliosi di condividere che il nostro eroe, nella sua morte, è stato in grado di salvare altre cinque persone come donatore di organi. Vogliamo ringraziare tutti coloro che si sono uniti a noi in questi giorni. Victor ci mancherà moltissimo”, ha detto la famiglia in una dichiarazione all’epoca.

La morte di Flora, che non ha potuto nemmeno vedere il corpo del figlio, li ha lasciati senza parole. Evert Slager, amico di famiglia e proprietario del portale specializzato racesport.nl , ha riassunto la tragica settimana per gli Steemans: “Quel colpo è stato già spietatamente duro. Che anche sua madre e il suo più grande fan siano morti così presto è crudele e impensabile”.

Polemiche sulla pericolosità della categoria

Maverick Viñales, che ha perso suo cugino Dean Berta l’anno scorso dopo un incidente simile nella stessa categoria, è stato molto critico nei confronti dell’organizzazione dopo aver appreso della morte di Steeman. “Ho sempre avuto la stessa opinione sulla Supersport 300 e l’ho detto prima che Dean avesse il suo incidente. Il problema è che le moto pesano 160 chili, non hanno velocità, vanno in gruppo e, ovviamente, se qualcuno ti cade davanti è impossibile evitarlo. Per me non è questione di età, non è questione di piloti, è questione di moto”, ha assicurato il pilota australiano di Roses. Quella dell’olandese è la seconda morte in due stagioni nella stessa categoria del Mondiale Superbike (WSBK), organizzato anche dalla casa spagnola Dorna, che gestisce la MotoGP.

Nel caso in cui la sua opinione non fosse chiara, il catalano non si è tagliato la lingua. “Non hanno potenza, pesano come una MotoGP, i freni sono una m…a, il forcellone è come una moto da strada. Il problema è la categoria, non i piloti. E non è l’età, perché quando avevo 13 anni correvo in 125GP e non è successo niente perché non eravamo in 20 in un gruppo. Se questa situazione continua lo stesso, accadranno molte altre cose “, ha avvertito. FIM, Dorna e WSBK hanno espresso il loro cordoglio ma non hanno ancora annunciato alcuna revisione delle norme tecniche e dei regolamenti di categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.