Michael Jordan detiene ancora il record per il più grande contratto NBA di sempre

Nonostante i problemi finanziari causati in tutto il mondo dalla pandemia, gli stipendi di tutta l’ NBA non sono stati colpiti.

Ai giocatori vengono ancora pagati importi astronomici, principalmente a causa di lucrosi accordi televisivi che investono denaro nel gioco.

Le franchigie NBA stanno ancora offrendo ai giocatori pacchetti finanziari allettanti, con Steph Curry che ha firmato un contratto di quattro anni ai Golden State Warriors del valore di 215 milioni di dollari, rendendolo il primo giocatore a firmare due accordi consecutivi del valore di oltre 200 milioni di dollari.

Chris Paul guadagnerà 120 milioni in quattro anni ai Phoenix Suns , Trae Young riceverà 207 milioni in cinque anni agli Atlanta Hawks e Luka Doncic otterrà lo stesso importo in cinque anni con i Dallas Mavericks .

Tuttavia la leggenda dell’NBA Michael Jordan vanta ancora il più grande contratto di sempre in campionato, quando ha guadagnato 33,1 milioni di dollari nella sua ultima stagione con i Chicago Bulls (1997/98). Tale importo sarebbe di 55,2 milioni di dollari nel gioco moderno.

Lo stipendio di Jordan in quella stagione è ancora più impressionante se lo si confronta con quello dei suoi compagni di squadra. Ha guadagnato più della metà del totale dei salari dei Bulls quell’anno (61,3 milioni di dollari) e ha guadagnato più del resto dei suoi compagni di squadra (31 milioni di dollari). Il suo contratto valeva sette volte di più dei secondi giocatori più pagati della squadra: Toni Kukoc , Ron Harper e Dennis Rodman (4,5 milioni di dollari ciascuno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.