Marc Márquez: ancora problemi alla vista per il pilota spagnolo

Marc Marquez ha sorpreso i suoi follower su Twitter annunciando questo martedì la sua ricaduta dei problemi di vista che lo affliggono, in particolare la diplopia o visione doppia dovuta all’infiammazione del nervo ottico. È il terzo episodio patito dal pilota Repsol Honda, colpito da questa diagnosi già nel 2011, alla sua penultima stagione in Moto2, e anche lo scorso anno, quando ebbe un incidente in allenamento e dovette saltare gli ultimi due Mondiali gare.
Domenica scorsa, dopo un brutale ‘highside’ nel ‘warm up’ della MotoGP , i medici hanno consigliato a Marc di non gareggiare nel GP dell’Indonesia. Il pilota ha riportato una commozione cerebrale e diversi politraumatismi prima di essere trasferito all’ospedale di Mataram, capitale dell’isola di Lombok, dove è stato sottoposto a una visita medica più approfondita ea una TAC in cui erano escluse lesioni gravi. Quello di Cervera ha spiegato ai microfoni di DAZN che stava “bene, anche se un po’ frastornato” e che per precauzione non avrebbe corso la gara.

“Sembra che io stia vivendo un déjà vu… Durante il viaggio di ritorno in Spagna, ho iniziato a provare disagio alla vista e abbiamo deciso di recarci dal dottor Sánchez Dalmau che ha confermato che ho un nuovo episodio di diplopia”, ha annunciato oggi Marquez sui suoi social.

“Fortunatamente è meno grave dell’infortunio che ho avuto alla fine dello scorso anno. Ma ora è il momento di riposarsi e aspettare di vedere come si evolverà l’infortunio. Come sempre, grazie mille a tutti per il supporto”, conclude Marc .

La diplopia ha una prognosi difficile. La prima volta, Márquez ha trascorso quasi sei mesi lontano dai circuiti e ha iniziato a temere seriamente per la sua carriera sportiva. L’infortunio che lo ha colpito l’anno scorso è durato tre mesi. Questa volta, secondo lo stesso pilota, la previsione dei medici è che ci vorrà meno tempo, anche se in caso di vista e non di osso rotto non ci sono scadenze fisse.

Allo stesso tempo, questa mattina, Márquez ha visitato l’équipe traumatologica del dottor Samuel Antuña presso l’ospedale Ruber Internacional di Madrid , dove è stato sottoposto a un controllo medico generale per valutare tutte le contusioni causate dalla caduta e una risonanza magnetica cerebrale che ha confermato che non non subire altre ferite.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.