Manny Pacquiao si ritira dalla boxe per concentrarsi sulla carriera politica

La leggenda del pugilato Manny Pacquiao ha annunciato il suo ritiro dallo sport per concentrarsi sulla sua carriera politica.

Il pluricampione del mondo, senatore nelle Filippine, ha già annunciato la sua intenzione di candidarsi alla presidenza alle elezioni del 2022 del Paese.

L’ultimo incontro del 42enne è stato una sconfitta contro il cubano Yordenis Ugas a Las Vegas il mese scorso.

“Ho appena sentito la campana finale. La boxe è finita”, ha detto Pacquiao.

In un video pubblicato sui social, Pacquiao ha descritto il ritiro come la “decisione più difficile” della sua vita, aggiungendo che la boxe gli ha dato “la possibilità di uscire dalla povertà” e “il coraggio di cambiare più vite”.

Ha anche ringraziato i suoi fan, gli amici e tutti coloro che lo hanno supportato durante la sua carriera, in particolare l’allenatore di lunga data Freddie Roach, che ha descritto come “la mia famiglia, un fratello e un amico”.

“Non dimenticherò mai quello che ho fatto e realizzato nella mia vita”, ha detto.

Dopo essere cresciuto in povertà nel sud delle Filippine, Pacquiao si è trasferito nella capitale Manila da adolescente per iniziare una carriera nel pugilato che lo avrebbe reso uno degli atleti più pagati al mondo.

Ha vinto il suo primo titolo importante nel 1998 all’età di 19 anni, sconfiggendo il thailandese Chatchai Sasakul per il titolo WBC dei pesi mosca. Nel giro di tre anni ha combattuto a Las Vegas, battendo il sudafricano Lehlohonolo Ledwaba per il titolo IBF dei pesi gallo super all’MGM Grand, sede della maggior parte dei suoi combattimenti nei due decenni successivi.

Ora è considerato uno dei più grandi pugili professionisti di tutti i tempi, vincendo 12 titoli diversi in otto categorie di peso ed è l’unico pugile a detenere campionati mondiali per quattro decenni. Nel luglio 2019, Pacquiao è diventato il più anziano campione del mondo dei pesi welter nella storia all’età di 40 anni quando ha sconfitto Keith Thurman per vincere il titolo WBA (Super) dei pesi welter, anche se è stato privato del titolo nel gennaio 2021 a causa dell’inattività.

Parlando dopo la sua sconfitta contro l’Ugas ad agosto, Pacquiao ha detto di essere 60-40″ a favore delle dimissioni. Si ritira con un record di 62 vittorie, otto sconfitte e due pareggi. Pacquiao è entrato in politica nel 2010 quando ha vinto un seggio alla camera bassa del congresso filippino, prima di essere eletto per un mandato di sei anni alla camera alta nel 2016. Ha confermato all’inizio di questo mese la sua intenzione di candidarsi alla presidenza dopo essere stato nominato candidato da una fazione del partito di governo, PDP-Laban.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.