L’agente di Naomi Osaka critica il “comportamento spaventoso” del giornalista “bullo” durante la conferenza stampa

Naomi Osaka è stata ridotta in lacrime nella sua prima conferenza stampa da quando si è ritirata dagli Open di Francia di maggio dopo essere stata pressata da un giornalista americano su come ha guadagnato fama attraverso i media nonostante abbia saltato gli eventi stampa.

La star giapponese di 23 anni si è ritirata dall’evento del Grande Slam all’inizio di quest’anno dopo aver affrontato diverse multe obbligatorie per essersi rifiutata di partecipare alle conferenze stampa, in seguito incolpando l’impatto delle linee invasive di interrogatorio sulla sua salute mentale. 

Ma nel suo ritorno al guanto di sfida alla stampa prima dei Cincinnati Masters, Osaka è stata pressata da un giornalista locale, identificato come Paul Daugherty, sulle sue motivazioni nell’ostruire i media curiosi.

” Mi sentivo come se fosse qualcosa che dovevo fare per me stessa. Mi sentivo come se fossi rintanata in casa mia per un paio di settimane e non sapevo se le persone mi avrebbero guardato in un modo diverso da come facevano di solito prima “, ha detto la numero due al mondo.

“Ma penso che la più grande rivelazione sia stata andare alle Olimpiadi e avere altri atleti che sono venuti da me e mi hanno detto che erano davvero contenti di quello che ho fatto. Dopo tutto ciò, sono orgoglioso di quello che ho fatto e penso era qualcosa che doveva essere fatto”.

È diventato subito chiaro che Osaka stava sentendo ancora una volta la pressione mentre tirava giù il cappello per oscurarsi il viso e iniziava a singhiozzare nel microfono, spingendo un addetto stampa a porre fine ai lavori poco dopo.

Il contenuto specifico della domanda che ha sconvolto Osaka non è chiaro ma un altro giornalista di tennis, Ben Rothenberg, ha poi twittato che la linea di interrogatorio rivolta a lei era ” aggressiva “

” [Lui] ha posto una domanda dai toni abbastanza aggressivi su come lei tragga vantaggio da un profilo high-media, ma non gli piace parlare con i media “, ha scritto Rothenberg.

Riferendosi alla questione poco dopo, Stuart Duguid, che è l’agente di Osaka, ha rilasciato una dichiarazione in cui era ferocemente critico nei confronti del giornalista per aver seguito questa linea di interrogatorio.

” Il bullo al Cincinnati Enquirer è l’epitome del motivo per cui le relazioni tra giocatori e media sono così tese in questo momento “, ha detto.

” Tutti su quello Zoom saranno d’accordo che il suo tono era tutto sbagliato e il suo unico scopo era quello di intimidire. Un comportamento davvero spaventoso.

” E questa insinuazione che Naomi deve il suo successo fuori dal campo ai media è un mito: non essere così autoindulgente “.