Ciclismo

Jonas Vingegaard: “Pensavo di morire”, il ricordo angosciante della caduta al Giro dei Paesi Baschi

Jonas Vingegaard si sta battendo in questi giorni per il Tour de France , una lotta che solo pochi mesi fa sembrava impossibile dopo la dura caduta subita al Tour dei Paesi Baschi, un incidente che lo lasciò gravemente ferito e gli fece pensare addirittura alla morte.

” È stato così brutto che pensavo che sarei morto. E quando ero sdraiato lì, ho pensato che se fossi sopravvissuto, avrei smesso di andare in bicicletta. Ma ora sono seduto qui”, ha detto Vingegaard ai giornalisti iri, nel ​​giorno di riposo del Tour de France in cui si ripresenta dopo quel duro incidente.

Nella caduta furono coinvolti anche il campione del mondo belga Remco Evenepoel e l’allora leader della corsa, lo sloveno Primoz Roglic. Diversi corridori sono caduti durante una veloce curva a destra in discesa , circa 35 chilometri prima del traguardo di Legutio, e sono scivolati in un fosso di cemento.

Il danese ha riportato la frattura di una clavicola e di diverse costole, oltre allo pneumotorace, che è stata la conseguenza più grave lasciata dall’incidente, dal quale fortunatamente ora si è completamente ripreso.

Attualmente è terzo nella classifica generale del Tour de France, a 1:15 dal leader Tadej Pogacar, dopo la prima settimana, una situazione praticamente ideale per lui dopo quella caduta, che non solo ha messo a repentaglio la sua presenza in questo evento, ma la sua carriera professionale e, secondo le sue parole, anche la sua vita.

Il vincitore delle ultime due edizioni del Tour si è detto “contento” di essere a questi livelli nel Tour dopo solo un mese e mezzo di preparazione. Ma non ha nascosto che “i pensieri su una possibile fine della sua carriera sono stati brevi, ma molto chiari “. Soprattutto perché anche sua moglie, Trine Hansen, era molto spaventata dalla caduta.

“La mia famiglia è sempre stata al mio fianco e mi ha dato molto sostegno. Ma sì, anche Trine (Hansen) pensava che sarei morto mentre giacevo lì a terra”, ha riconosciuto.

Fortunatamente, il corridore ha sottolineato che questo grave incidente non gli ha causato paura in discesa, anche se gli ci sono voluti “alcuni sforzi per correre nuovamente gli stessi rischi di prima della caduta . ” “Credo di averlo già superato. Per me è stata una sfida, ma ora non credo che avrò problemi con le discese” ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.