Internazionali Tennis Roma, Malagò dice “NO” alla presenza di russi e bielorussi

Intervistato da Corriere della Sera il numero uno del Coni ha parato della spinosa questione della presenza dei tennisti russi e bielorussi agli Internazionali dopo la scelta di Wimbledon

La scelta di Wimbledon, di bannare dal torneo tennisti russi e bielorussi, si sta parlando anche di quello che potrebbe succedere agli Internazionali di Roma.

A parlarne, dopo alcune dichiarazioni di qualche settimana fa, il numero uno del CONI, Giovanni Malagò che a Corriere della Sera ha spiegato: “Da presidente del Coni e membro Cio, mi occupo di politica sportiva e non di politica. In Italia, ribadisco, rappresento il Cio. E l’Executive Board ha raccomandato a tutte le federazioni di non invitare atleti russi e bielorussi ai tornei e alle manifestazioni sportive. Wimbledon, che è un circolo privato, si è attenuto a questa indicazione”.

E poi: “Spetta al governo prendere una decisione. Starà studiando il caso, valuterà la situazione, poi farà una scelta, sono convinto la migliore per il Paese. È vero che il torneo è organizzato dalla Fit, che è una federazione aderente a Coni e Cio, ma lo è altrettanto che Atp e Wta sono associazioni professionistiche al di fuori dei comitati olimpici e sotto la loro egida vanno in scena i tornei come il Masters 1000 romano. Tanto che lo stesso presidente della Federtennis, Angelo Binaghi, ci è andato più cauto, affermando provocatoriamente che piuttosto sarebbe bello suonare l’inno ucraino, magari con un tennista russo in finale: “Sarebbe divertente””.

Insomma la questione è piuttosto spinosa e non dalla semplice risoluzione, da un lato le indicazioni del CIO dall’altro l’indipendenza di alcuni tornei tennistici e i pareri di ATP e WTA che hanno già condannato la decisione di Wimbledon.

Nelle ultime ore anche il tennista Rublev, russo di Mosca e trionfatore a Belgrado si è augurato che la decisione di Wimbledon non venga applicata al Masters di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.