GP F1 del Belgio: pole di Max Verstappen, male le Ferrari

Max Verstappen ha conquistato la pole position nel Gran Premio del Belgio, ma è stato il britannico George Russell a brillare nell’oscurità e nella pioggia torrenziale a Spa-Francorchamps classificandosi al secondo posto davanti a Lewis Hamilton al terzo.

Il giovane pilota britannico è in corsa per raggiungere Hamilton alla Mercedes il prossimo anno e questa è stata ancora una volta la prova di quale sfida avrebbe dovuto affrontare il campione del mondo se la Mercedes lo avesse reclutato

Max Verstappen e Lewis Hamilton

La sessione, in condizioni insidiose, è stata avvincente ma anche dominata dalle preoccupazioni per la sicurezza sul circuito dopo che Lando Norris della McLaren ha subito un grave incidente alla curva ad alta velocità dell’Eau Rouge ed è stato portato in ospedale per una radiografia al gomito che potrebbe essere rotto.

In Q3, mentre il cielo grigio e nuvoloso sopra le montagne delle Ardenne ha scatenato un potente acquazzone, la pioggia è stata il grande livellatore. Con i differenziali di prestazione delle vetture ampiamente annullati, il pilota ha fatto la differenza.

Sempre forte in qualifica qui ha realizzato un run che è stato il migliore della sua carriera. Con le gomme intermedie usate perché la Williams aveva esaurito le nuove, ha volato nel suo ultimo giro, tagliando lo spruzzo, trovando un grip apparentemente invisibile. Nel suo ultimo giro ha messo a segno un tempo di 2 minuti 00.086 secondi che gli ha dato brevemente la pole fino a quando Verstappen ha rovinato la festa con quello che era un giro perfetto con un 1:59.765, lasciando Hamilton tre decimi dietro.

La pioggia era stata insistente, cadendo di nuovo forte proprio all’inizio della Q3, costringendo i piloti ad adattarsi ancora una volta a condizioni molto difficili. Con le gomme piene da bagnato, Norris è uscito primo, il più veloce in Q1 e Q2, ma nel suo giro caldo ha avuto un enorme distacco all’Eau Rouge. Il pilota è sceso dalla macchina ma la sessione è stata immediatamente interrotta.

Norris aveva notato che la vettura era in aquaplaning, mentre Sebastian Vettel, che aveva avvertito che le condizioni erano troppo bagnate, era furioso perché la FIA non aveva interrotto la sessione. 

Il fatto che il direttore di gara della FIA Michael Masi avesse permesso l’inizio della sessione era controverso e Vettel è stato risoluto nella sua valutazione. “Penso che nemmeno Michael sia orgoglioso di quello che è successo”, ha detto. “Ci sono molte cose che avremmo potuto fare meglio. Penso che sia meglio essere al sicuro “.

Norris ha perso il posteriore risalendo la collina e correggendo eccessivamente, è andato a sinistra contro le barriere e poi è tornato indietro in mezzo alla pista. È stato quasi nello stesso punto in cui si è verificato un incidente con sei auto nella W Series venerdì, dove le auto sono state proiettate l’una sull’altra. 

Quarta la McLaren di Daniel Ricciardo, quinta l’Aston Martin di Sebastian Vettel. Pierre Gasly sesto per AlphaTauri con Sergio Pérez settimo (Red Bull) . Valterri Bottas si piazza ottavo per la Mercedes, ma partirà tredicesimo dopo aver ricevuto una penalità di cinque posizioni in griglia per aver causato una collisione in Ungheria. Esteban Ocon al nono posto per Alpine con Norris al decimo.

Entrambe le Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz sono uscite in Q2 in 11° e 13°. Nicholas Latifi è arrivato 12° per la Williams. Fernando Alonso 14 ° per Alpine e Lance Stroll 15° per Aston Martin.

Yuki Tsunoda di AlphaTauri 16° con Mick Schumacher e Nikita Mazepin 17° e 20° per Haas. Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen 16° e 19° per l’Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.