Formula uno: il silenzio di Hamilton preoccupa

Cresce la preoccupazione per un possibile ritiro dalla F1 dopo una settimana di silenzio, dall’appuntamento di Abu Dhabi. “E’ molto deluso, ma mi piacerebbe che continuasse”, dice Wolff.

E’ infatti trascorsa una settimana di silenzio totale per Lewis Hamilton, nelle reti social, nella sua vita sportiva: l’ultima comunicazione è dell’11 dicembre, quando è arrivato secondo nella classifica di Abu Dhabi . Da allora silenzio.

Ai piedi della pista, si è brevemente congratulato con il campione, ma poi non ha parlato alla conferenza stampa ufficiale dopo la gara (quella di televisione e stampa) né è andato al Gala di consegna dei premi FIA, cosa d’obbligo e che lo espone a una sanzione da parte del nuovo presidente FIA, né ha parlato dopo essere stato nominato Sir mercoledì scorso a Windsor, a spada tratta. dal Principe Carlo. 

Com’è inevitabile, si è scatenata la voce di un prematuro allontanamento dallo sport del sette volte iridato, molto dispiaciuto dalla sconfitta nell’ultima gara, e tra l’altro, a suo avviso, espresso dalla squadra, del tutto ingiusto . Quella preoccupazione per il 44,  che faccia come Nico Rosberg (ha annunciato inaspettatamente il suo addio a dicembre 2016), non è stata smentita da Toto Wolff, in questi giorni.

“Mi piacerebbe molto che Lewis continuasse a correre, perché è il migliore di tutti i tempi. Come pilota, il suo cuore gli dirà che deve continuare perché è nel momento migliore della sua carriera”, ha detto il team Mercedes-

La paura è nelle cricche della F1 e a Verstappen è stato chiesto. “Certo, posso capire che i primi giorni dopo una gara del genere non sei felice. Ma penso che dovresti guardare indietro a ciò che hai già realizzato. Questo ti dà tranquillità e dovrebbe anche essere quello slancio per andare avanti, perché sta ancora cercando di lottare per quell’ottavo titolo, e potrà lottare anche l’anno prossimo. Quindi non vedo alcun motivo per arrendersi o fermarsi ora ” , afferma il nuovissimo campione del mondo.

CONTRATTO

Wolff ha assicurato che tutti i passi compiuti in quelle 96 ore tra la fine della gara e il ritiro del ricorso, sono stati concordati con il pilota, ” Ogni passo che abbiamo fatto sono state decisioni comuni. Abbiamo deciso, insieme a Lewis, di protestare. Appello e ritiro . Non solo per lui, ma anche per noi come squadra, è stato terribile affrontare una decisione del genere. Sarà difficile per noi superare il dolore e l’ angoscia. È deluso perché lo sport che ama sembra essere esposto a decisioni casuali”.

Per l’inglese, dal punto di vista delle ultime quattro gare, che ha dominate da cima a fondo, vincendone tre e la quarta, e quindi anche il titolo, fino all’arrivo della famosa safety car. “Inizi a chiederti se tutto il lavoro che hai fatto, il sudore, le lacrime e il sangue funzioni davvero, perché può essere spazzato via da decisioni casuali “, spiega Wolff.

“Mi aspetto che tornerà in griglia il prossimo anno e lotterà per riconquistare quel mondiale che in qualche modo gli è stato tolto”, ha detto Rosberg, che non ha dubbi. Neanche un altro campione ed ex compagno di squadra di Lewis come Jenson Button non ha dubbi. ” Tutto è possibile , come sappiamo con lo sport, corriamo tutti con grandi emozioni. Non conosco Lewis così bene ora, ma prima lo conoscevo abbastanza, e personalmente, non lo vedo andarsene dopo aver perso il titolo “.

Lewis ha recentemente rinnovato il contratto con la squadra della stella fino al 2023 , ovvero altre due stagioni, al ritmo, tra stipendio e bonus, di circa 50 milioni a stagione. “Dobbiamo superare anche il dolore che gli hanno causato domenica scorsa, perché è un uomo con valori chiari. Ma nessuno di noi, né lui né noi, volevamo vincere un mondiale in aula “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.