F1 Ferrari: meno incidenti e meno soldi per lo sviluppo nel 2022

Il direttore sportivo della Ferrari , Laurent Mekies, ha affermato che gli aggiornamenti non verranno introdotti così frequentemente come si è visto negli ultimi anni, con il limite di budget che si è leggermente ridotto nel secondo anno delle restrizioni finanziarie appena introdotte.

Mentre le squadre avevano a disposizione 145 milioni di dollari per il 2021, il limite di budget si riduce a 140 milioni di dollari per il 2022. Nonostante i rivoluzionari cambiamenti al regolamento in arrivo per questa stagione, gli aggiornamenti non saranno così frequenti come quando le squadre potevano spendere ciò che volevano.

“Ci sono meno soldi disponibili per lo sviluppo durante la stagione, perché anche il budget complessivo si è ridotto”, ha spiegato Mekies.

“Vedremo più aggiornamenti rispetto alla stagione 2021, ma anche meno rispetto al 2018 o al 2019.”

Mekies riferendosi a Carlos Sainz e Charles Leclerc,  non estranei a incidenti nel 2021, ha affermato di sperare che sarà necessario spendere meno del budget per riparazioni e parti.

“Abbiamo incoraggiato i nostri piloti a sondare i limiti”, ha detto.

“Perché la competizione tra loro due ci aiuta ad avanzare. Quest’anno [2021], c’è stato relativamente poco sviluppo sulla macchina.

“Nel 2022 avremo bisogno di tutti i soldi per lo sviluppo del veicolo”.

“Auto più difficili da guidare”

“Non abbiamo idea di dove siamo rispetto agli altri”, ha spiegato.

“Non c’è alcun riferimento [con il regolamento del 2022]. All’inizio la perdita di tempo sul giro è stata enorme. Abbiamo recuperato molto, ma nessuno sa se sia abbastanza. “Dopo sei settimane, [il divario] sarà inferiore e, entro il 2023, le auto saranno più o meno le stesse. La finestra di ciò che è fattibile è semplicemente molto più piccola di quanto lo sia oggi”, ha spiegato.

“Le vetture saranno sicuramente più difficili da guidare. Dipenderà molto da come il pilota si adatterà a loro. Siamo ben attrezzati con Charles e Carlos. Entrambi raggiungono sempre il loro obiettivo ma in modo diverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.