F1: in vista di Imola, la Ferrari può ancora migliorare?

Sport | Motore | Formula 1

Nella squadra italiana sono ancora alla ricerca di una soluzione facile per mitigare il ‘porpoising’

Nel prossimo Gran Premio che si terrà ad Ímola hanno chiarito dalla Ferrari che non presenteranno grandi miglioramento

La Ferrari sta regalando la sorpresa più bella di questo Mondiale di Formula 1 2022 e dopo due vittorie per Leclerc e due podi per Sainz sembra difficile trovare da ridire sulla F1-75. Ma, pur vedendo che la Ferrari è l’auto che soffre di meno dopo il nuovo regolamento di F1, Binotto, capo della scuderia, assicura che la vettura ha un problema che le resiste: la focena.

La nuova generazione di monoposto di F1 sta soffrendo non pochi problemi con il problema del ‘porpoising ‘, il fenomeno che fa rimbalzare violentemente le vetture sui rettilinei perdendo il colpo di carico aerodinamico e dalla Ferrari assicurano che sta succedendo loro in tutti i circuiti e sto ancora cercando come risolverlo.

Binotto assicura che non incide direttamente sulle prestazioni della vettura ma questo fenomeno è un inconveniente per il quale non trovano facile soluzione: “E’ qualcosa che ci ha colpito a Jeddah, non solo a Melbourne, che non è stato ancora corretto ” Non è così facile risolverlo, cercheremo di mitigarlo a Ímola, ma siamo consapevoli che non è ancora finito . È difficile tenerlo sotto controllo e in alcuni circuiti si soffre più che in altri” spiega il capo della squadra.

Nel prossimo Gran Premio che si terrà ad Ímola hanno chiarito dalla Ferrari che non presenteranno grandi miglioramenti e che questi arriveranno più avanti nel corso della stagione, Binotto assicura che pur essendo il GP di casa per la squadra, il Gran Premio dell’Emilia Romaña ” può essere un weekend difficile quando si tratta di portare gli sviluppi e testarli venerdì. Non ce ne saranno molti ad Ímola, perché crediamo che non sia il posto giusto”, spiega il pilota della Ferrari.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.