calcio

ESCLUSIVA, Sabatino Durante: “Pioli perfetto per il Napoli, Gudmundsson e Bento non andranno all’Inter. Ad Allegri hanno reso il lavoro difficilissimo. Su Thiago Motta…”

Nelle ultime ore la redazione di News.Superscommesse.it ha raggiunto telefonicamente Sabatino Durante, tornato da poco da uno dei suoi viaggi di lavoro in Sudamerica. Il re del mercato dell’America Latina, in quest’intervista esclusiva, ha fatto il punto sui temi principali che riguardano la nostra Serie A, soprattutto inerenti al calciomercato e agli Europei ormai alle porte.


Veniamo alla Serie A ed al mercato degli allenatori. Gasperini, Conte, Pioli o Italiano per il Napoli e perché?
“Entrare nella testa di De Laurentiis è difficile, va spesso a cercarsi guai. Conte e Gasperini li lascerei stare. Il secondo è stato vicino al Napoli, prima di finire all’Inter qualche anno fa. Per quale motivo dovrebbe andare ora nella squadra campana, che non ha strutture e che al massimo farà la Conference? L’Atalanta farà la Champions League ed in società c’è un certo Percassi, uomo davvero competente. Conte andrebbe al Napoli solo come ripiego, se non ha altro di meglio ed ha un carattere particolare. Vuole i suoi giocatori, che siano adatti alla sua idea di calcio, mentre a Napoli comanda solo De Laurentiis. Per questo ti dico che devono prendere un allenatore che veda il Napoli come un qualcosa di rappresentativo per la propria crescita professionale. Può essere Italiano, ma Pioli è il migliore, non in assoluto, bensì per questa società. E poi è pacifico, filo societario. De Laurentiis scelga una donzella e non “Miss Mondo”. Individui un allenatore adatto per il suo target, come era Rudi Garcia, che ha sbagliato alla grande in questa stagione a mandare via”.

Ti risulta un’operazione Gudmundsson per l’Inter, in stile di quella per Frattesi dello scorso anno, in prestito con obbligo di riscatto?
“L’obbligo di riscatto in questo caso sarebbe rappresentato da una cifra piuttosto elevata, quindi il percorso sarebbe più complicato. Io penso che l’Inter debba rimanere con questi due attaccanti titolari; se vuole vendere qualcosa lo deve fare in altri ruoli. Terrei anche Arnautovic che, al di là degli gli infortuni, la sua parte la fa in campo e anche nello spogliatoio. In più hanno preso Taremi che è un ottimo giocatore; al massimo aggiungerei al reparto avanzato un giovane di prospettiva. Per questo ti dico che giocatori accostati all’Inter, come Gudmundsson e Bento (che è un grandissimo portiere, ma che costa più di 20 milioni e che farebbe panchina il primo anno), non verranno a Milano. Ausilio e Marotta hanno una filosofia diversa. Basta guardare Onana a 0, Sommer quasi a 0 e Thuram a 0”.

Come giudichi l’esonero di Allegri e se ci puoi confermare l’arrivo di Thiago Motta per la Juventus del prossimo anno?
“Allegri ha sbagliato perché è uscito fuori dal seminato. Ma non dobbiamo dimenticarci che l’anno scorso ha subito i mille problemi societari. I punti gli son stati tolti per colpa della società e non sua; per un anno e mezzo si è messo la squadra ed i giocatori, da solo, sopra le spalle. Con Giuntoli non si sono mai presi. (…) A gennaio, te lo do per certo, ha chiesto un giocatore di qualità in mezzo al campo. Dal momento che in difesa non ha nessuno con i piedi buoni, né fenomeni di centrocampisti pensanti, è diventato per lui difficile mettere tre attaccanti insieme nelle varie gare della stagione. Gli hanno chiesto la qualificazione in Champions e la Coppa Italia e le ha ottenute. Nonostante volesse un centrocampista esperto e di qualità, gli hanno comprato invece un giovane argentino (Alcaraz, ndr), buono magari tra due anni. Gli hanno insomma reso difficilissimo il lavoro. (…) Arriverà Thiago Motta che ha fatto benissimo quest’anno, ma è stato aiutato da un uomo paziente, bravo e certosino come Sartori. Vediamo come si troverà con altri dirigenti (…)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.