Ciclismo: terribile incidente per Johnny Carera procuratore di Nibali e Pogacar, è in terapia intensiva

Una spiacevole notizia colpisce il mondo del ciclismo. Nella notte di ieri venerdi 26 novembre, come si legge anche su ecodibergamo.it, Johnny Carera, 56 anni (Alex Carera, Johny Carera al centro e suo figlio Lorenzo in una foto d’archivio) procuratore con il fratello Alex di tanti campioni, tra cui la maglia gialla Pogacar e Nibali, è rimasto vittima di un grave incidente stradale. Di ritorno dalla festa del fan club di Alessandro Covi, attorno alle 23.40, all’altezza di Agrate sulla autostrada Milano-Venezia in direzione Bergamo dove vive, Johnny Carera è stato travolto da un mezzo pesante che viaggiava contromano.
Sul posto sono accorse due ambulanze e l’auto medica oltre ai Vigili del Fuoco di Monza, Lissone e Milano e alla Polizia stradale di Arcore e Seriate: i pompieri hanno estratto il corpo del 56enne e i sanitari hanno somministrato le prime cure per poi trasportare il ferito in ospedale. Illeso il conducente del tir con targa polacca: l’autista è stato portato comunque in ospedale per accertamenti sul tasso alcolemico.

Ricoverato all’ospedale di Niguarda a Milano in codice giallo, il procuratore era cosciente ma nella notte si è aggravato ed è ora ricoverato in Terapia intensiva in prognosi riservata.
A raccontare quanto successo è il figlio Lorenzo in un post su Facebook in cui invita tutti a stare vicino al padre e a non mollare.


«Eccomi qui , sul diario degli sfoghi .. questa è la macchina (sotto la foto) di Johnny stanotte, una lunga notte… dalla prima chiamata ricevuta dalla mamma e al ricevere questa foto che mi ha totalmente congelato, terrorizzato e fermato il tempo. Autostrada zona Agrate, Johnny stava tornando a casa orgoglioso del suo lavoro da un fan club di un nostro caro, amico…atleta… Purtroppo un camionista, ubriaco, ha travolto il mio papà, ha cercato di portarlo via da me e improvvisamente mi sono sentito cadere, vuoto: ho visto la mia vita passare in un batter d’occhio, mi sono seduto pensando di aver perso tutto, si perché mio papà è il mio tutto! Ma chiunque lo conosca sa quanto possa essere maledettamente tosto Johnny. Con un briciolo di fortuna, i suoi insegnamenti e la sua determinazione usciremo ancora una volta forti a testa alta. Ora si trova in Terapia intensiva, in coma farmacologico, intubato , con un polmone perforato, clavicola e costole rotte… Forza Johnny Carera!!! Forza papà! Ho bisogno di te , sei la mia forza. Non mollare».

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.