boxe

Boxe: squalificato per doping, ma era morto da marzo!

L’ Agenzia antidoping britannica ( Ukad ) ha annunciato una squalifica di quattro anni per un pugile morto all’inizio di quest’anno prima di scusarsi per l’errore.

In una dichiarazione pubblicata lunedì pomeriggio, Ukad ha rivelato che Moises Calleros era risultato positivo alla cocaina in un test antidroga post-incontro dopo la sua sconfitta contro il britannico Galal Yafai nell’aprile dello scorso anno.

La dichiarazione confermava che di conseguenza Calleros sarebbe stato bandito dalla boxe per quattro anni, ma presto emerse che il messicano era tristemente morto a marzo, all’età di soli 34 anni.

La dichiarazione dell’Ukad inizialmente diceva: “Violazione delle regole antidoping! Il pugile professionista messicano Moises Calleros è stato squalificato per quattro anni, a seguito di violazioni delle norme antidoping (ADRV) per la presenza e l’uso di sostanze vietate, cocaina e il suo metabolita.

Quando è diventato chiaro che Calleros era morto tre mesi fa, Ukad ha cancellato la dichiarazione sia dal loro sito web che dai loro account sui social media.

“L’UKAD ha ricevuto queste informazioni poco dopo aver pubblicato i dettagli dell’esito di un caso riguardante il signor Calleros in conformità con le norme antidoping del Regno Unito.

“Sfortunatamente, l’UKAD non aveva informazioni sulla triste scomparsa del signor Calleros al momento della pubblicazione e ora ha rimosso tutti i dettagli di questo caso dai suoi canali.”

Non si sa come sia morto Calleros, ma la sconfitta di Yafai – arrivata sulla undercard della gara Anthony Joshua contro Jermaine Franklin alla O2 Arena – si è rivelata il penultimo incontro della sua carriera di pugile. Il suo incontro finale è stato una vittoria ad eliminazione diretta al primo turno su Gerardo Verde Moreno a Ensenada, in Messico, nel dicembre 2023.

Calleros è andato 37-11-1 in una carriera professionale di 16 anni iniziata nel 2008 e ha lottato per il titolo dei pesi minimi WBO nel 2018 ma è stato costretto a ritirarsi all’ottavo round contro Ryuya Yamanaka a Kobe.

Ha anche combattuto contro i campioni del mondo passati o futuri Julio Cesar Martinez, Jose Argumendo e Francisco Rodriguez durante la sua carriera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.