Boxe: “Canelo” Álvarez mantiene la sua corona dopo aver sconfitto Golovkin con voto unanime

Nella notte italiana tra Sabato e domenica, il messicano Saúl “Canelo” Álvarez ha sconfitto con decisione unanime il kazako Guennadiy Golovkin ed è rimasto il re della divisione supermedi, in uno dei combattimenti più attesi dell’anno.

Álvarez ha prevalso 116-112, 115-113 115-113 , contro un avversario che ha iniziato lentamente e ha mostrato la sua classe solo nelle fasi finali.

Il primo round è trascorso cautamente da entrambi i combattenti; Golovkin ha usato bene il suo ‘jab’, con passi indietro ed è sfuggito ai pochi attacchi del messicano, che si è fatto più animato nel secondo ‘round’ , e da lì ne ha approfittato.

Contro un avversario passivo, “Canelo” ha fatto male con il suo swing, i suoi ‘jab’ e combinazioni , sempre attento a difendersi dagli attacchi del kazako, che non sono arrivati.

Veloce, con finte e buoni movimenti del girovita in una versione diversa del “Canelo” perso lo scorso maggio contro il russo Dmitrii Bivol , il messicano ha proseguito in avanti, confermando il vantaggio sulle scorecard.

Nella sesta l’Europeo ha finalmente piazzato un buon dritto, tuttavia Canelo ha insistito con jab e swing.

L’incontro è proseguito con lo stesso copione fino a quando alla nona è apparso finalmente il fiero Golovkin, che ha fatto danni con l’1-2, con il ‘jab’ e buoni ganci contro un “Canelo” con poca mobilità. In decima e undicesima erano pari, forse con un leggero vantaggio di Golovkin che non è bastato a recuperare la differenza.

Alla fine i due combattenti si sono abbracciati, dialogato a stretto contatto e si sono trovati d’accordo, dopo un crossover di offese nelle ultime settimane, parte del tipico clima pre match.

Saúl ha raggiunto 58 vittorie, 39 per KO , con due sconfitte e due pareggi e ha mantenuto le quattro cinture da 168 libbre. Golovkin ha subito la sua seconda battuta d’arresto, entrambe contro il messicano, con 42 vittorie, 37 prima del limite.

“Ho passato momenti difficili, ma dovevamo andare avanti. Le sconfitte ci insegnano ad essere più umili”, ha detto “Canelo” , riferendosi agli ultimi mesi, dopo la battuta d’arresto con Bivol.

Golovkin ha riconosciuto di non poter sbagliare contro il messicano, quindi è stato cauto e ha confermato che non si ritirerà nonostante i suoi 40 anni.

Poco prima, l’americano Jesse “Bam” Rodríguez ha sconfitto all’unanimità il messicano Israel González per mantenere il titolo dei pesi mosca super del World Boxing Council.

Rodríguez ha prevalso con il punteggio di 118-109, 117-110 e 114-113, dopo essere passato da meno a più e confermandosi la rivelazione dell’anno nel pugilato mondiale. Ha raggiunto 17 vittorie, 11 per KO , mentre González ha subito la sua quinta battuta d’arresto, con 28 vittorie, 11 sulla corsia preferenziale e un pareggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.