Bagnaia non si arrende e primeggia nelle prove libere

Il pilota della Ducati, Francesco “Pecco” Bagnaia , continua a provarci e per questo ha concluso la prima giornata di prove libere del Gran Premio d’Olanda sul circuito del TT di Assen, con il giro più veloce della categoria, seppur seguito dai due riferimenti degli stessi, lo spagnolo Aleix Espargaró (Aprilia RS-GP) e il francese Fabio Quartararo (Yamaha YZR M 1).

Bagnaia non vuole perdere il “filo del motomondiale” e ancora una volta, all’ultimo giro, è diventato leader della classifica, ma sia il primogenito dei fratelli Espargaró che Quartararo sono sulla sua scia e molto vicini al termine della primo giorno di allenamento MotoGP.

La finestra di luce che si è aperta tra le nuvole della statale del Drenthe ha permesso all’asfalto di migliorare rapidamente , nonostante fosse ancora bagnato, e molti dei piloti della MotoGP hanno abbassato i tempi sin dal primo round, con una menzione speciale al Lo spagnolo Aleix Espargaró (Aprilia RS-GP), che è stato il primo a migliorarsi per salire al primo posto , anche se non è durato molto perché pochi minuti dopo è stato superato da ben cinque piloti.

Una delle sorprese più positive è stata quella di Franco Morbidelli (Yamaha YZR M 1) , che non ha riscosso molto successo per tutta la prima parte della stagione, ma nelle condizioni di Assen si è fatto vedere in entrambe le sessioni della prima giornata nelle posizioni di testa.

Oltre a Morbidelli, Aleix Espargaró, il primo riferimento, è stato battuto anche da Alex Rins (Suzuki GSX RR), che le voci mettono nel team italiano LCR al posto di Alex Márquez, che ha sorpreso anche tutti i suoi rivali mettendosi in luce per un po’ di tempo durante la giornata e si dice che una delle opzioni valide per il 2023 sarebbe quella di entrare nel team italiano Gresini , nella posizione di Enea Bastianini, che andrebbe al team Pramac o al team ufficiale Ducati, a seconda il “posto finale” dello spagnolo Jorge Martín.

Non è durato a lungo anche Alex Márquez al primo posto, che è finito nelle mani di Johann Zarco (Ducati Desmosedici GP22), davanti al portoghese Miguel Oliveira (KTM RC 16) e agli spagnoli Pol Espargaró (Repsol Honda RC 213 V) e Aleix Espargaró (Aprilia RS-GP), ancora con gomme da bagnato. Marini era già in pista ma doveva comunque controllare le zone dove avrebbe potuto spaventarsi per l’acqua accumulata sull’asfalto . Così, ha completato diversi giri e non è stato fino al suo terzo giro che ha iniziato a rotolare in sezioni di giro veloce per posizionarsi alla fine del giro di testa e concatenare una sequenza di tempi di 1:38:880, 1:38.248, 1:37.469; che ha incoraggiato molti altri piloti a seguire quella strategia, tra cui il campione del mondo in carica, Fabio Quartararo, che ha impiegato pochissimo tempo per piazzare la sua Yamaha YZR M 1 al secondo posto.

Quartararo è tornato ai propri diritti per imporre la “legge” del leader e sulla sua scia c’era Marco Bezzecchi, anche se una caduta alla curva cinque dell’italiano lo ha allontanato dalle opzioni di miglioramento e dietro Aleix Espargaró se avesse raggiunto il suo obiettivo di abbassare di oltre due decimi e mezzo il tempo del fuoriclasse francese , ma nella loro lotta è intervenuto “Pecco” Bagnaia, secondo al decimo e mezzo dello spagnolo.

Aleix Espargaró ha abbassato ancora il suo primato personale fino a lasciarlo a 1:33.452, che l’italiano Bagnaia ha potuto battere solo di 178 millesimi, 1:33.274, con Quartararo terzo, 1:33.579. Alle loro spalle, i due piloti Suzuki, Alex Rins e Joan Mir, hanno preso l’ipotetica seconda fila, con l’australiano Jack Miller (Ducati Desmosedici GP22) tra loro, con Maverick Viñales (Aprilia RS-GP), settimo . Salgono in decima posizione il sudafricano Brad Binder (KTM RC 16), il francese Johann Zarco (Ducati Desmosedici GP22) e l’italiano Marco Bezzecchi.

Per ora, costretti a passare la prima classifica , piloti come Enea Bastianini (Ducati Desmosedici GP21), Luca Marini, che era stato il protagonista iniziale della sessione , oltre ad Alex Márquez, Jorge Martín, Franco Morbidelli o Pol Espargaró, tra gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.